Usura - Reato penale

Bisogna premettere che il reato di usura, sia nella fattispecie di usura "oggettiva" che in quella "soggettiva" , a differenza della maggior parte dei reati non si configura per l'esistenza o meno di un fatto (naturale) causato, dolosamente o colpevolmente, da una persona (reo), ma si concretizza semplicemente con l'instaurarsi tra le parti di un rapporto (giuridico) sinallagmatico (un accordo che prevede obbligazioni reciproche).

Il comportamento penalmente e civilisticamente sanzionato infatti consiste, in ogni caso, nel "farsi dare o promettere ... in corrispettivo di una prestazione di denaro interessi usurari", cioè nell'aver incassato/preteso interessi superiori al limite di legge o che risultino comunque sproporzionati (rispetto al capitale), quando chi li ha dati o promessi si trova in condizioni di difficoltà economica o finanziaria.

E' fuori discussione che le parti di un contratto usurario non debbano necessariamente essere persone fisiche, ma possano benissimo essere anche persone giuridiche: banca o finanziaria, come soggetto che si fa "dare o promettere la prestazione usuraria" (danaro o altra utilità) da un lato, e impresa societaria o ente (pubblico o privato), che "consegna o promette di dare interessi usurari" dall'altro lato del rapporto sinallagmatico usurario .

L'usura è infatti un "reato contratto", non un "reato in contratto" , ciò significa che l'usura non è un reato che si commette "attraverso" un contratto di per sé lecito, come ad esempio una truffa; il reato di usura esiste in quanto esiste il contratto usurario: la legge, sia penale che civile, punisce il fatto (giuridico) della conclusione del contratto con cui si chiedono interessi (globali) usurari, cioè interessi che, considerate anche le commissioni e le spese, siano complessivamente superiori al tasso limite oppure inferiori, ma sproporzionati; la legge non punisce il fatto (naturale) che qualcuno chieda, con un contratto (lecito), degli interessi illeciti (usurari).

Ciò significa che il reato e l'illecito civile, si commettono già con la stipula del contratto (e proseguono poi con la successiva evoluzione del rapporto ), non dipendono dall'azione di una o più persone determinate, come ad esempio, nella truffa dove, stipulato un regolare accordo preliminare, si consegnano i soldi per l'acquisto della fontana di Trevi (se però il venditore non è consapevole che si tratta di un bene demaniale, il reato logicamente non esiste).

Nell'usura invece, accertata l'esistenza dell'accordo (contratto) di finanziamento e accertato il tasso usurario, sono accertati sia il fatto penalmente rilevante (il reato) che l'illecito civile, anche se colui che sottoscrive il contratto, per conto dell'istituto di credito, non è consapevole che il tasso globale concordato è usuraio; l'accertamento degli eventuali colpevoli sarà oggetto di un'indagine ulteriore, di competenza (questa si) esclusivamente penale.

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

  • katscarp 12 febbraio 2010 at 14:45

    Anch'io sono vittima dell'usura bancaria e la cosa più sconvolgente è che la Magistratura, che dovrebbe difendermi, si limita invece ad archiviare ogni mia denuncia. In Italia è questa la (in)giustizia!!!

1 2 3 4