Usura - alcuni casi pratici

Un caso, giunto alle cronache, è quello del gip del Tribunale di Trani che ha respinto la richiesta del pm di archiviare la denuncia di usura di un agricoltore di Bisceglie nei confronti di tre banche per mancanza del dolo (cfr. Il Corriere del Mezzogiorno del 18 ottobre 2007); lo stesso gip aveva precedentemente accolto la richiesta del pm di archiviare una denuncia di usura bancaria troppo generica (cfr Carmine Esposito Se l'interesse bancario è a rischio usura. Nota ad Ordinanza gip Trani del 10 ottobre 2005).

Il Tribunale di Palmi, su denuncia del Gruppo De Masi, per la prima volta dall'entrata in vigore della legge 108/96 contro l'usura, nel novembre 2007 ha emesso una sentenza penale in cui, pur assolvendo gli imputati (amministratori e funzionari di un istituto di credito padovano), per "non aver commesso il fatto", è stata accertata l'esistenza dell'usura nei conti correnti di una banca; sentenza e appello della Procura di Reggio Calabria sono reperibili in "portale.sosutenti.info". Per la verità, già dal 2004 una sentenza civile del Trib. Milano-sez. Rho aveva accertato l'usura nei conti correnti di una banca, includendo la cms nel calcolo del taeg, nel 2007 una decisione del Tribunale di Nola, la revoca della dichiarazione di fallimento, ha accertato anch'essa l'usura nei conti correnti bancari ed infine è da segnalare una recente sentenza del Tribunale di Chieti (n. 766 del 2008, reperibile in "portale.sosutenti.info") in cui il giudice, dopo aver accertato l'usura, oltre che applicare la norma dell'articolo 1815 del codice civile nel calcolo del saldo di un conto corrente bancario, ha segnalato il reato alla Procura ex articolo 331 c.p.p. ed ha anche condannato la banca al risarcimento dei danni morali per aver operato in mala fede.

Articolo 50 c.p.p. Il p.m. esercita l'azione penale d'ufficio quando non sussistono i presupposti per la richiesta di archiviazione e non è necessaria la querela, la richiesta, l'istanza o l'autorizzazione a procedere. L'articolo 335 c.p.p. prevede che il p.m. iscriva immediatamente la notizia ed il nome della persona alla quale il reato stesso è attribuito nell'apposito registro; nel caso il reato non risulti attribuibile ad una persona identificata l'indagine è contro ignoti.

Articolo 50 c.p.p. Il p.m. esercita l'azione penale d'ufficio quando non sussistono i presupposti per la richiesta di archiviazione e non è necessaria la querela, la richiesta, l'istanza o l'autorizzazione a procedere. L'articolo 335

c.p.p. prevede che il p.m. iscriva immediatamente la notizia ed il nome della persona alla quale il reato stesso è attribuito nell'apposito registro; nel caso il reato non risulti attribuibile ad una persona identificata l'indagine è contro ignoti.

Articolo 696 bis codice di procedura civile L'espletamento di una consulenza tecnica, in via preventiva, può essere richiesto ... ai fini dell'accertamento e della relativa determinazione dei crediti derivanti dalla mancata o inesatta esecuzione di obbligazioni contrattuali... Il consulente, prima di provvedere al deposito della relazione, tenta, ove possibile, la conciliazione delle parti. ...Se la conciliazione non riesce, ciascuna parte può chiedere che la relazione depositata dal consulente sia acquisita agli atti del successivo giudizio di merito.

Nessun autore e nessuna sentenza civile o penale hanno mai contestato questo aspetto della recente normativa antiusura; per un esame dei rapporti tra processo civile e penale, nel caso dell'usura, vedi ad es. Zumpano Sospensione necessaria per pregiudizialità penale e azioni civili non risarcitorie in Giust. civ., 2002, 9, 224; nel sistema previgente al 1996, dal punto di vista civile, nelle controversie sui tassi eccessivi nei prestiti, si aveva riguardo soprattutto alla questione della lesione ultradimidium (articolo 1448 del codice civile) e poi era da considerare che la nullità (parziale) del contratto usurario (articolo 1815 del codice civile previgente) comportava la sostituzione del tasso usurario con quello legale (non il tasso zero, come prevede l'attuale articolo 1815 del codice civile).

Il Consiglio di Stato con la decisione numero 2879 del 26/9/2007 (in www.orsiniemidio.it) ha accolto il ricorso del sig. Orsini, il quale lamentava che il Commissario antiusura avesse applicato, nel suo caso, un diverso sistema di calcolo del danno, per la determinazione dell'importo del mutuo senza interessi ex articolo 14 legge 108/96; il Commissario del governo sosteneva che gli interessi bancari al di sotto del tasso soglia non dovessero essere conteggiati nel danno (cui va rapportato l'importo del mutuo agevolato), in quanto le banche sono autorizzate ad effettuare operazioni di credito e perciò il danno sarebbe diverso se l'usura fosse stata di origine bancaria; il C.d.S. ha affermato invece che l'ordinamento non prevede alcuna differenza a seconda che l'autore del reato di usura sia un istituto bancario o un altro soggetto.

Articolo 14, comma 2, legge 108/96 : Il fondo di solidarietà per le vittime dell'usura provvede alla erogazione di mutui senza interesse di durata non superiore al decennio a favore di soggetti che esercitano attività imprenditoriale, commerciale, artigianale o comunque economica, ovvero una libera arte o professione, i quali dichiarino di essere vittime del delitto di usura e risultino parti offese nel relativo procedimento penale .

La richiesta di mutuo deve essere presentata (al Prefetto competente per territorio) entro 180 giorni dalla data della denuncia o dalla data in cui l'interessato, in qualità di persona offesa del reato di usura, ha avuto notizia dell'inizio delle indagini (articolo 7, comma 2, del DPR 455/99).

Articolo 20, legge 44/99 :

1. A favore dei soggetti che abbiano richiesto [la concessione del mutuo senza interesse di cui all'articolo 14, comma 2 della legge 108/96], i termini di scadenza, ricadenti entro un anno dalla data dell'evento lesivo [presentazione denuncia*], degli adempimenti amministrativi e per il pagamento dei ratei dei mutui bancari e ipotecari, nonché di ogni altro atto avente efficacia esecutiva, sono prorogati dalle rispettive scadenze per la durata di trecento giorni [termine ordinatorio*].

2. A favore dei soggetti che abbiano richiesto [la concessione del mutuo senza interesse di cui all'articolo 14, comma 2, della legge 108/96] i termini di scadenza, ricadenti entro un anno dalla data dell'evento lesivo [presentazione delle denuncia **], degli adempimenti fiscali sono prorogati dalle rispettive scadenze per la durata di tre anni [termine ordinatorio**].

3. Sono altresì sospesi, per la medesima durata di cui al comma 1, i termini di prescrizione e quelli perentori, legali e convenzionali, sostanziali e processuali, comportanti decadenze da qualsiasi diritto, azione ed eccezione, che sono scaduti o che scadono entro un anno dalla data dell'evento lesivo [presentazione denuncia *].

4. Sono sospesi per la medesima durata di cui al comma 1, l'esecuzione dei provvedimenti di rilascio di immobili e i termini relativi a processi esecutivi mobiliari ed immobiliari, ivi comprese le vendite e le assegnazioni forzate ***.

7. La sospensione dei termini di cui ai commi 1, 2, 3 e 4 ha effetto a seguito del parere (favorevole) del prefetto competente per territorio, sentito il presidente del tribunale.

 

*   Circ. 26/01/06 Commissario antiusura (prot. 196/BE)

**  Circ. 26/10/07 Dir.Reg. Ag. Ent. Sicilia (prot. 87378)

 

*** Circ. 02/06/07 Ministero Giustizia (prot. 032 016 003-7)

Articolo 20, comma 5, legge 44/99 : Qualora si accerti, a seguito di sentenza penale irrevocabile, o comunque con sentenza esecutiva, l'inesistenza dei presupposti per l'applicazione dei benefici previsti dal presente articolo, gli effetti dell'inadempimento delle obbligazioni ...  e della scadenza dei termini ... sono regolati dalle norme ordinarie.

dr. Gianni Frescura

3 febbraio 2009 · Loredana Pavolini

Offri il tuo contributo alla visibilità di indebitati.it

Ti chiediamo di contribuire ad accrescere la visibilità di indebitati.it cliccando su una delle icone posizionate qui sotto: per condividere, con un account Facebook, Google+ o Twitter, il contenuto di questa pagina oppure per iscriverti alla newsletter o al feed della comunità. Qualora lo preferissi, puoi seguirci sui social cliccando qui. Un grazie, per la tua attenzione, dallo staff.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Raccolte di altri articoli simili - clicca sul link dell'argomento di interesse

, , , , ,

Assistenza gratuita, briciole di pane e commenti

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su usura - alcuni casi pratici . Clicca qui.

Stai leggendo Usura - alcuni casi pratici Autore Loredana Pavolini Articolo pubblicato il giorno 3 febbraio 2009 Ultima modifica effettuata il giorno 4 marzo 2017 Classificato nella categoria usura fondi antiusura e confidi Inserito nella sezione contratti di prestito - microcredito usura e sovraindebitamento del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

1 2 3 4

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti


cerca