Contratti di locazione in nero » ok alla norma salva inquilini

E' stata pubblicata la legge che ha posto fine a una questione paradossale verificatasi nell'ambito del fenomeno dei contratti di locazione in nero.

Grazie ad una legge emanata nel 2011 molti inquilini avevano potuto denunciare all'Agenzia delle Entrate i contratti di locazione in nero, ottenendo così canone assai ridotto e l'automatica conversione in un contratto della durata di 4+4 anni, con il divieto, quindi, per il locatore, di sfrattare l'inquilino nonostante questi pagasse un canone enormemente inferiore rispetto al contratto non registrato.

Avvalendosi di questa disposizione, molti inquilini, non si erano fatti scrupolo di denunciare i padroni di casa con cui, poco prima, avevano siglato un rapporto contrattuale irregolare.

Ma, purtroppo, con grande gioia dei proprietari di casa, nel marzo 2014 la Corte Costituzionale aveva annullato la legge con effetti retroattivi.

Così facendo, i locatori avevano iniziato a richiedere, agli inquilini, tutti gli arretrati non pagati sulla base dei contratti di locazione in nero e, nello stesso tempo, a intimare loro lo sfratto.

La pronuncia della Corte Costituzionale, proprio perché interveniva su rapporti di durata e, per di più, su una materia storicamente molto delicata dal punto di vista politico e sociale, aveva creato forti disagi.

Molti inquilini, infatti, si erano trovati nella situazione paradossale dichi aveva rispettato la legge e si trovava fuori di casa, con tanto di ordinanza del giudice.

Per fortuna, però, il Parlamento ha messo fine al caos, prevedendo una sorta di sanatori” per i rapporti in corso.

Per tutti gli inquilini che si sono avvalsi della legge del 2011, almeno fino alla data del 31 dicembre 2015 la durata del contratto e il canone di locazione sarà quello previsto dal testo del decreto legislativo in materia di federalismo fiscale che abbiamo richiamato in apertura.


Saranno quindi salvi quei conduttori che, dopo la registrazione del contratto di locazione e prima della sentenza della Corte Costituzionale hanno versato il canone ridotto per effetto della denuncia all'Agenzia delle Entrate.

I conduttori, quindi, potranno continuare a versare il canone legale senza subire lo sfratto, almeno fino al 31 dicembre del 2015.

11 giugno 2014 · Andrea Ricciardi

Offri il tuo contributo alla visibilità di indebitati.it

Ti chiediamo di contribuire ad accrescere la visibilità di indebitati.it cliccando su una delle icone posizionate qui sotto: per condividere, con un account Facebook, Google+ o Twitter, il contenuto di questa pagina oppure per iscriverti alla newsletter o al feed della comunità. Qualora lo preferissi, puoi seguirci sui social cliccando qui. Un grazie, per la tua attenzione, dallo staff.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Raccolte di altri articoli simili - clicca sul link dell'argomento di interesse

, , , ,

Approfondimenti e integrazioni

Assistenza gratuita, briciole di pane e commenti

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su contratti di locazione in nero » ok alla norma salva inquilini. Clicca qui.

Stai leggendo Contratti di locazione in nero » ok alla norma salva inquilini Autore Andrea Ricciardi Articolo pubblicato il giorno 11 giugno 2014 Ultima modifica effettuata il giorno 30 aprile 2017 Classificato nella categoria contratti di locazione - affitti in nero e sanzioni per il locatore - sfratti e diritto alla casa - morosità incolpevole Inserito nella sezione mutui per acquisto casa e affitti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti


Cerca