Contratto di locazione - Le imposte dovute per la registrazione

Il pagamento delle imposte per la registrazione, ove dovute, avviene contestualmente alla presentazione telematica del modello RLI.

Il regime ordinario della locazione di immobili, nel caso in cui il soggetto locatore sia un privato e non agisca nell'esercizio dell'impresa, prevede l'applicazione dell'imposta di registro nella misura proporzionale del 2%, nonché delle imposte di bollo.

Tale regime si applica in assenza di opzione per la cedolare secca.

L'imposta di registro del 2% è dovuta sul canone complessivo annuale della locazione, con un minimo, solo per la prima annualità, di 67 euro.

Si applica in questa misura anche in presenza di un unico contratto per la locazione dell'unità immobiliare e degli arredi.

Se, invece, vengono stipulati due distinti contratti, sulla locazione dell'immobile resta ferma l'imposta di registro del 2%, mentre sul contratto di locazione dei mobili e arredi si applica l'aliquota del 3%.

Se il contratto prevede un deposito cauzionale a carico del conduttore, questo non è autonomamente soggetto a imposta di registro. Lo è invece, nella misura dello 0,5%, se la garanzia è prestata da un terzo.

In sede di prima registrazione, l'imposta di registro si versa mediante F24 ELIDE, se la registrazione è richiesta presso l'ufficio dell'Agenzia delle Entrate. Si effettua invece con addebito sul conto corrente in caso di registrazione in via telematica. L'imposta di registro si versa poi annualmente.

È possibile anche effettuare il pagamento anticipato in un'unica soluzione per tutta la durata del contratto, beneficiando in tal caso di una riduzione dell'imposta pari alla metà del tasso legale moltiplicato per il numero di annualità.

In caso di cessioni, risoluzioni e proroghe, deve essere versata l'imposta di registro con la stessa aliquota prevista per il contratto originario, applicata sul corrispettivo pattuito. Se la cessione avviene senza corrispettivo, l'imposta è dovuta nella misura fissa di 67 euro. Il versamento deve avvenire entro 30 giorni.

Il locatore e il conduttore rispondono sempre in solido per il pagamento delle imposte di registro.

Per quanto riguarda infine l'imposta di bollo, si calcola per ogni copia da registrare ed è pari a 16 euro per ogni 4 facciate scritte del contratto e, comunque, ogni 100 righe.

4 agosto 2014 · Gennaro Andele

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su contratto di locazione - le imposte dovute per la registrazione.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.