Pignorabilità di stipendi e pensioni nel caso di simultaneo concorso di crediti

Relativamente alla pignorabilità di stipendi e pensioni nel caso di simultaneo concorso di crediti, lo stesso articolo 545 5° comma codice di procedura civile prevede la possibilità che il credito di lavoro possa essere aggredito per il "simultaneo concorso" di più cause tra quelle elencate nei commi precedenti.

Pur essendo pacifico che ogni singolo pignoramento, escluso - come visto - quello per cause alimentari, non può superare il limite del quinto della retribuzione al netto delle ritenute di legge, e pur essendo espressamente previsto che non può comunque essere superato l'ammontare della metà del credito di lavoro, resta da interpretare il concetto di simultaneo concorso.

È stato a questo proposito sostenuto che il concetto di simultaneo concorso pressuppone che più creditori partecipino alla stessa procedura espropriativa e concorrano all'assegnazione, ognuno per una delle cause indicate nell'articolo 545 codice di procedura civile.

Solo in questo caso sarebbe possibile aumentare l'ammontare della quota pignorabile (un quinto, salva l'ipotesi di credito alimentare) e raggiungere il limite massimo della metà delle somme in questione.

Quando viceversa vi sia già stata una assegnazione (sempre per una delle cause ex articolo 545 codice di procedura civile) i creditori che propongano una nuova procedura espropriativa dovranno "mettersi in coda" e cioè aspettare che venga interamente soddisfatto il creditore che abbia beneficiato di una precedente assegnazione, anche se quest'ultima abbia riguardato una quota inferiore alla metà del credito del lavoratore.

La tesi non sembra da condividere, ben potendosi ammettere che, qualora non sia stata superata la soglia della metà degli emolumenti, i creditori intervenuti successivamente possano vedersi assegnate, per il soddisfacimento di loro crediti, altre quote (normalmente quinti) dei crediti da lavoro dei loro debitori, tanto più che l'espressione "simultaneo concorso" può intendersi come sussistenza di diverse cause di pignoramento sullo stesso credito di lavoro e non come necessaria contemporaneità, nella stessa procedura espropriativa, di richieste di assegnazione da parte di più creditori.

La stessa disciplina sopra riportata per i crediti dei lavoratori privati vale, a maggior ragione, per i crediti di lavoro dei dipendenti pubblici.

A questo proposito, occorre avere riguardo al combinato disposto degli articoli 68 comma 2 e 2 DPR numero 180/50. La Cassazione ha, sul punto, sostenuto che dal combinato disposto delle norme sopra citate si ricava che esiste un doppio limite, uno relativo, concernente i singoli pignoramenti o sequestri (o il loro cumulo), regolato dall'articolo 2 ed uno assoluto, regolato dall'articolo 68.

Ciò significa che i singoli pignoramenti non possono superare l'ammontare di un quinto (o di un terzo o della metà per i crediti alimentari), fermo restando il limite assoluto della metà dello stipendio.

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su pignorabilità di stipendi e pensioni nel caso di simultaneo concorso di crediti.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

  • bonkard66 19 dicembre 2014 at 08:21

    Salve,il pignoramento di 88 euro e avvenuto anche sulla tredicesima, e normale? Per sapere cosa ha deciso il giudice il 20/maggio/2014,visto che non ho ricevuto nessuna comunicazione in merito,cosa devo fare? Se c'è stata una variazione della cifra pignorata,l'inps deve comunicarmelo ? Grazie

    • Annapaola Ferri 19 dicembre 2014 at 08:46

      Il pignoramento della pensione avviene su qualsiasi rateo percepito dal debitore, e quindi anche sulla tredicesima.

      Per capire se l'INPS trattiene più del dovuto, deve necessariamente sottoporre la documentazione ad un avvocato o ad un'associazione di consumatori presente sul territorio e nel caso presentare ricorso, sempre con un'assistenza legale, al giudice delle esecuzioni.

    1 6 7 8