Pignoramento stipendi e pensioni – limiti alla pignorabilità e minimo vitale

Non tutti i crediti sono liberamente pignorabili. L’art.545 c.p.c. ed alcune disposizioni contenute nelle leggi speciali fissano i limiti oggettivi del pignoramento dei crediti nell’espropriazione presso terzi.

La disciplina normativa, apparentemente chiara, presenta invece, anche in seguito ai reiterati interventi della Corte Costituzionale in materia di crediti di lavoro dei dipendenti pubblici, numerosi dubbi interpretativi e notevoli difficoltà pratiche.

Pignorabilità dei crediti alimentari

Il primo comma dell’art.545 c.p.c. espressamente prevede che non possono essere pignorati i crediti alimentari, tranne che per causa di alimenti, e sempre con l’autorizzazione del presidente del tribunale o di un giudice da lui delegato (modifica introdotta in seguito all’entrata in vigore del giudice unico di primo grado) e per la parte dal medesimo determinata mediante decreto.

In sostanza i crediti alimentari godono, perciò, di una impignorabilità relativa, sia perché possono essere aggrediti solo per soddisfare altri crediti della stessa natura, sia perché presuppongono il provvedimento autorizzativo del giudice.

La dottrina non è univoca nell’interpretare il significato dell’espressione “crediti alimentari”. Taluno, infatti, ritiene che tali debbano intendersi tutti i crediti aventi natura intrinsecamente alimentare per specifica destinazione di legge; qualcun altro, solo i crediti aventi causa negoziale; qualcun altro ancora sia i crediti fondati direttamente nella legge, sia i crediti aventi causa negoziale.

Possono ascriversi fra i credili alimentari quelli che tali sono per previsione di legge ovvero per causa negoziale.

Secondo lo dottrina fra i crediti alimentari rientrano anche quelli di mantenimento pure per causa di separazione o divorzio.

Tale impostazione non trova però d’accordo la giurisprudenza la quale afferma che l’obbligo di mantenimento ha ad oggetto la prestazione di quanto risulti necessario a soddisfare tutte le esigenze di vita e, nel caso di separazione e divorzio, alla conservazione del tenore di vita economico sociale dei coniugi, mentre l’obbligazione alimentare concerne la prestazione di ciò che occorre a soddisfare le esigenze vitali dell’avente diritto.

Anche la Corte Costituzionale ha dato avallo alla tesi della giurisprudenza poiché ha affermato che, una volta accertato lo stato di bisogno del beneficiario, la distinzione fra obbligazione di mantenimento ed obbligazione alimentare è solo quantitativa dal momento che la prima comprende la seconda ed ha chiarito che l’impignorabilità per causa di alimenti è applicabile alla causa di assegno di mantenimento nei limiti in cui quest’ultimo abbia anche carattere alimentare, accertamento questo che compete al giudice del merito.

Offri il tuo contributo alla visibilità di indebitati.it

Stai leggendo Pignoramento stipendi e pensioni – limiti alla pignorabilità e minimo vitale Autore Paolo Rastelli Articolo pubblicato il 28 agosto 2013 Ultima modifica effettuata il 9 aprile 2014 Classificato nelle categorie pignoramento stipendio e pensione regole generali Etichettato con tag , , , . Archiviato nella sezione conseguenze dei debiti » pignoramento » il pignoramento di stipendi e pensioni Numero di commenti e domande: 11 Clicca qui per inserire un commento o porre una domanda

Approfondimenti e integrazioni

Commenti e domande dei lettori

  • Devi essere loggato per poter inserire un commento o un quesito.
  • Balumero 9 novembre 2013 at 18:06

    Buonasera, sperando di trovarmi nel post giusto ho una domanda da porre. Avendo perso il lavoro non riesco più a far fronte al risarcimento della parte civile. Inoltre sono nulla tenente, più che maggiorenne e vivo da solo. A cosa vado in contro?, la parte civile (con tutto rispetto), può rivalersi sui miei genitori e pignorare beni?. Io vorrei pagare ma non ho più nulla. Molte grazie, cordialmente.

    • Simonetta Folliero 9 novembre 2013 at 18:40

      Lei non rischia niente, se non ha niente. I suoi genitori potrebbero essere coinvolti solo da un pignoramento presso la residenza del debitore, se lei convive con loro (per il principio di presunzione legale di proprietà tutto ciò che è rinvenibile presso la residenza del debitore si considera essere di proprietà del debitore). Ma dovrebbe trattarsi di una residenza di pregio affinché la parte civile possa recuperare qualcosa.

1 4 5 6

.