Il servizio per la centralizzazione dei rischi creditizi o Centrale Rischi Banca d'Italia

Il Servizio per la centralizzazione dei rischi creditizi, comunemente denominato Centrale Rischi ed affidato alla Banca d'Italia, costituisce uno strumento di ausilio per gli intermediari per la valutazione del merito creditizio della clientela e, in generale, per l'analisi e la gestione del relativo rischio, attraverso il quale si persegue l'obiettivo di accrescere la stabilità del sistema.

Tale servizio trova la sua regolamentazione nelle istruzioni specificamente emanate dalla Banca d'Italia agli altri enti creditizi che, al fine del contenimento dei rischi derivanti dal cumulo dei fidi, prevedono un articolato sistema di segnalazioni mensili concernenti le posizioni dei soggetti che hanno ricevuto affidamenti.

Ciascuna banca, qualora l'esposizione del cliente raggiunga o superi i limiti previsti da una delle categorie di rischio censite, é tenuta ad informare la Banca d'Italia, la quale poi, con varie modalità, pone le informazioni ricevute a disposizione dell'intero circuito bancario: in sostanza, attraverso lo scambio di informazioni, le banche che hanno concesso l'affidamento sono poste in grado di conoscere la posizione globale di rischio dell'affidato.

Fra le categorie di rischio censite, rispetto alle quali v'è obbligo di segnalazione alla Centrale Rischi, rientra quella delle "sofferenza", cui va ricondotta l'intera esposizione per cassa nei confronti di soggetti in stato di insolvenza, anche non accertato giudizialmente, o in situazioni sostanzialmente equiparabili, indipendentemente dalle eventuali previsioni di perdita formulate dalle aziende.

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su il servizio per la centralizzazione dei rischi creditizi o centrale rischi banca d'italia.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

  • m.grazia 16 aprile 2015 at 14:22

    buongiorno,
    ho una ditta individuale che dal 2013 ha avuto un netto miglioramento. Tale miglioramento mi ha permesso di pagare con un piano di rientro cambializzato il pregresso dei fornitori che finirà ne 2016
    Ora per pulire la mia CRIF vorrei fare una ristrutturazione del debito (garantito dai confidi) riguardante l'esposizione verso banche e finanziarie. A tal proposito ho richiesto la mia CR storica alla banca d'italia.La documentazione ricevuta segnala, come già io sapevo, di due posizioni a sofferenza. Di una sto pagando un piano di rientro cambializzato dell'altra ancora nulla. Come posso fare per poter istituire tale pratica? chi mi può analizzare la documentazione ricevuta e aiutarmi nei passi da seguire per pulire definitavente la mia posizione?
    Spero di ricevere una vostra risposta a breve.
    m.grazia

    • Ludmilla Karadzic 16 aprile 2015 at 18:33

      Purtroppo la segnalazione in CR non verrà cancellata se non dopo 24 mesi dalla data di pagamento dell'ultima rata del piano di rientro. Così anche per quanto attiene la seconda posizione registrata in CR, qualora riuscisse ad ottenere una ristrutturazione del debito posto a sofferenza.

      Mi spiace.

    1 2 3