Maggiorazioni semestrali del 10% per le multe pagate in ritardo - La Cassazione sancisce che si tratta di una sanzione aggiuntiva legittima e non di interessi

In materia di sanzioni amministrative (nella specie per violazioni stradali), la maggiorazione del dieci per cento semestrale, ex articolo 27 della legge 689/1981, per il caso di ritardo nel pagamento della somma dovuta, ha natura di sanzione aggiuntiva, che sorge dal momento in cui diviene esigibile la sanzione principale.

Pertanto, è legittima l'iscrizione a ruolo, e l'emissione della relativa cartella esattoriale, per un importo che includa, oltre a quanto dovuto per la sanzione principale e per le spese del procedimento, anche l'aumento derivante dalla sanzione aggiuntiva.

Così i giudici della Corte di cassazione, con la sentenza 21259/2016 hanno definitivamente archiviato come superato l'orientamento assunto in occasione della pubblicazione della sentenza 22100/2007, secondo la quale gli interessi semestrali del 10%, in caso di pagamento in ritardo della sanzione amministrativa per violazione al Codice della strada, non fossero dovuti (almeno nel caso in cui la riscossione fosse avvenuta attraverso ingiunzione fiscale e non con la procedura di iscrizione a ruolo e successiva emissione di cartella esattoriale).

22 ottobre 2016 · Giuseppe Pennuto

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su maggiorazioni semestrali del 10% per le multe pagate in ritardo - la cassazione sancisce che si tratta di una sanzione aggiuntiva legittima e non di interessi.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.