La legge di stabilità e gli incentivi per la rottamazione degli autoveicoli

Attenzione » il contenuto dell'articolo è poco significativo oppure è stato oggetto di revisioni normative e/o aggiornamenti giurisprudenziali successivi alla pubblicazione e, pertanto, le informazioni in esso contenute potrebbero risultare non corrette o non attuali. Potrai trovare i post aggiornati sull'argomento nella sezione di approfondimento, oppure qui.

Con la nuova legge di stabilità ci saranno fino ad ottomila euro di incentivi per la rottamazione dei caravan euro 0 , 1 e 2.

La legge di stabilità 2016, ai commi 85 e 86 dell'articolo 1, in attuazione del principio di salvaguardia ambientale e al fine di incentivarne la sostituzione, prevede misure finalizzate alla demolizione dei caravan di categoria euro 0, euro 1 o euro 2.

Per caravan, così come indicato dal codice della strada (articolo 54, comma 1, lettera m) deve intendersi un veicolo avente una speciale carrozzeria ed attrezzato permanentemente per essere adibito al trasporto e all'alloggio di sette persone al massimo, compreso il conducente.

Dunque, per la sostituzione, in seguito a demolizione, di caravan euro 0, 1 e 2 con veicoli nuovi, aventi classi di emissione non inferiore ad euro 5 della medesima tipologia, sarà riconosciuto un contributo fino a un massimo di 8.000 euro per ciascun veicolo acquistato.

A tale fine è stata autorizzata la spesa massima di 5 milioni di euro per l'anno 2016. Il contributo sarà anticipato all'acquirente dal rivenditore sotto forma di sconto sul prezzo di vendita ed al rivenditore rimborsato sotto forma di credito d'imposta di pari importo, da utilizzare in compensazione.

Gli incentivi si applicano per i veicoli nuovi acquistati con contratto stipulato tra il venditore e l'acquirente a decorrere dal 1º gennaio 2016 e fino al 31 dicembre 2016 e immatricolati entro il 31 marzo 2017.

Offri il tuo contributo alla visibilità di indebitati.it

Ti chiediamo di contribuire ad accrescere la visibilità di indebitati.it cliccando su una delle icone posizionate qui sotto: per condividere, con un account Facebook, Google+ o Twitter, il contenuto di questa pagina oppure per iscriverti alla newsletter o al feed della comunità. Qualora lo preferissi, puoi seguirci sui social cliccando qui. Un grazie, per la tua attenzione, dallo staff.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti


Cerca