L'effetto perverso del protezionismo bancario

Questo è l'effetto perverso del protezionismo bancario, che finisce per nuocere in primis proprio alla banca stessa… se Lei non riesce a lavorare, infatti, non riuscirà nemmeno a pagare i Suoi debiti, fra cui anche quelli con la banca.

Per darLe una risposta esauriente avrei bisogno di altri dati, sapere qual è la Sua attività, la Sua attuale composizione patrimoniale ed il Suo reddito residuo, se ancora ne ha.

Se vuole mi contatti pure in privato iuri.donati@gmail.com

La discussione continua in questo forum.

Per porre una domanda su debiti e sovraindebitamento, accedi al forum.

19 settembre 2010 · Chiara Nicolai

Offri il tuo contributo alla visibilità di indebitati.it

Ti chiediamo di contribuire ad accrescere la visibilità di indebitati.it cliccando su una delle icone posizionate qui sotto: per condividere, con un account Facebook, Google+ o Twitter, il contenuto di questa pagina oppure per iscriverti alla newsletter o al feed della comunità. Qualora lo preferissi, puoi seguirci sui social cliccando qui. Un grazie, per la tua attenzione, dallo staff.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni

Assistenza gratuita, briciole di pane e commenti

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su l'effetto perverso del protezionismo bancario. Clicca qui.

Stai leggendo L'effetto perverso del protezionismo bancario Autore Chiara Nicolai Articolo pubblicato il giorno 19 settembre 2010 Ultima modifica effettuata il giorno 19 giugno 2016 Classificato nella categoria contratti di prestito microcredito e usura e sovraindebitamento - domande e risposte del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti


Cerca