Il leasing immobiliare - vantaggi fiscali

Come abbiamo già detto, se i mutui tradizionali ormai non vengono concessi se non per la metà del valore dell'immobile, il leasing immobiliare consente di finanziare anche il 100% del costo della casa che si vuole acquistare e, come avveniva anche per i mutui ormai molti anni fa, nella cifra richiesta si possono inserire persino i costi legati all'arredamento.

Il leasing immobiliare, peraltro, non prevede alcun tipo di ipoteca e questo annulla la necessità di registrare l'atto dal notaio e di sostenere i relativi costi.

Se si guarda poi al lato fiscale i vantaggi continuano.

Con il leasing immobiliare la rendita derivante dalla casa non viene considerata per il calcolo del reddito imponibile.

Differentemente da quello che accade per i mutui, le società che concedono il finanziamento di leasing detraggono i costi dell'IVA che, quindi, non vanno a gravare sul costo finale della casa.

Attenzione però, anche il leasing ha le sue regole.

Come prima cosa non si possono detrarre dalla dichiarazione dei redditi i canoni corrisposti alle società che concedono il finanziamento e se è vero che si può comunque scegliere, come avviene per i normali mutui, di avere rate calcolate su tasso fisso, variabile e perfino ad importo costante, crescente e o decrescente, la concessione è subordinata spesso alla fideiussione e, sempre, all'accensione contestuale di alcune polizze assicurative.

Fra tutte quella vita e quella che tutela da danni all'immobile oggetto del finanziamento.

9 ottobre 2013 · Carla Benvenuto

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su il leasing immobiliare - vantaggi fiscali.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.