Leasing - Appropriazione indebita aggravata se auto non è restituita [Commento 1]

  • debitrix 15 maggio 2013 at 12:28

    Buongiorno,
    dopo due anni ( sui 4 contrattuali) di leasing sulla BMW intestata alla SRL di cui sono Amministratore, mi vedo costretto a restituire il mezzo in ragione della impossibilità di proseguire a saldare i canoni mensili ( con conseguente scioglimento della SRL). Posso immaginare che la BMW financial mi domanderà il "danno" ( differenza tra conteggio estintivo del leasing allo stato attuale e ricavato che otterrà dalla vendita dell'auto). Conteggio estintivo leasing attuale: 39.000 Euro , valore a mercato dell'auto attuale: 37.000 Euro. Conoscendo la prassi BMW, venderà l'auto sottoprezzo ( rivendicando presunti danni di meccanica ecc. ecc.) , supponiamo a 27.000.
    Mi domanderà quindi un saldo, a danno, di circa 12.000 Euro.
    Poiché ho dato garanzia fideiussoria come Amministratore, nella qualità della mia persona fisica, è su di me che agiranno in sede di recupero crediti. Sono proprietario di un immobile. Per tale importo ( range ipotetico 11.000-13.000 euro) rischio concretamente che avviino una procedura di pignoramento immobiliare? Potrò in qualche misura oppormi alla quantificazione (esosa) di danno che la finanziaria rivendicherà? (mi conviene sin da ora eventualmente fare una perizia asseverata sul valore dell'auto?
    Ringrazio Cordialmente,
    D.

    • Simone di Saintjust 15 maggio 2013 at 12:55

      I miei complimenti per la consapevolezza dello scenario. In più aggiungerei che è prassi addebitare anche danni come graffi sui sedili e sul cruscotto ed altre amenità simili.

      Le suggerisco di pretendere, contestualmente al ritiro, un inventario (carrozzeria, meccanica ed impianti) dei danni su cui la società di leasing intende rivalersi. Insomma, una sorta di verbale di consegna sottoscritto da entrambe le parti. Altrimenti rischia di contrarre un debito ben più pesante di quello che ha paventato. Per questo, prima di consegnare il veicolo è buona norma effettuare foto dettagliate della macchina e farla anche provare da un meccanico. Spesso, si rifiutano di rilasciare subito l'inventario dei danni che ritengono essere stati riportati dal veicolo.

      Per adesso, visto gli importi in gioco, non c'è alcuna possibilità, per la società di leasing, di ottenere un'espropriazione dell'immobile. Molto probabilmente, dopo infruttuosi tentativi di composizione stragiudiziale del contenzioso, il creditore arriverà a chiedere un decreto ingiuntivo con il quale iscrivere ipoteca sui beni immobili di sua proprietà. Ma, ci vuole il tempo che ci vuole.

      Qualora ciò accadesse, in sede di opposizione a decreto ingiuntivo, può far rilevare al giudice le vessazioni a cui è stato costretto. Ritengo che i soldi necessari per farsi assistere da un avvocato, in questa fase, siano spesi più che bene.

1 2

Torna all'articolo