Le nuove disposizioni di BANKITALIA sui mutui - Informazioni più chiare e complete su tutta l'offerta

Attenzione » il contenuto dell'articolo è stato oggetto di revisioni normative e/o aggiornamenti giurisprudenziali successivi alla pubblicazione e le informazioni in esso contenute potrebbero risultare non corrette o non attuali. Potrai trovare i post aggiornati sull'argomento nella sezione di approfondimento in fondo alla pagina, oppure qui.

Offerte dei mutui scritte in italiano e non in "banchese". Proposte comprensibili da tutti anche da chi finora non ha mai messo piede in banca. E tutti i prodotti presentati insieme in modo da poter scegliere sulla carta e non solo fidandosi di quello che propongono allo sportello.

Con il 1° di marzo sono entrate in vigore le nuove disposizioni della Banca d'Italia che impongono agli istituti di credito di predisporre testi chiari e l'elenco di tutte le offerte in modo da poter fare un confronto reale, e non solo sulla base di qualche chiacchierata con chi ha interesse a "piazzare" un prodotto piuttosto che un altro perchè più conveniente per la banca.

E le novità non riguardano solo i nuovi clienti: per chi ha già un mutuo, infatti, la documentazione arriverà direttamente a casa non più tardi del prossimo 15 aprile.

Il nuovo sistema, che prevede dunque una documentazione a prova di inesperti, è previsto dalle disposizioni di vigilanza emanate dalla Banca d'Italia, entrate in vigore dal 1° marzo.  Su questa base tutte le banche che offrono mutui - quindi sia le banche italiane che le filiali di istituti esteri - debbono mettere a disposizione allo sportello una sorta di dossier con le informazioni sulle diverse tipologie di finanziamento che il cliente può scegliere. Il documento deve contenere obbligatoriamente:

a) l'elenco completo dei tipi di mutuo sottoscrivibili;
b) le caratteristiche e i rischi di questo tipo di prodotto, presentati - dice la Banca d'Italia - in maniera "comprensibile" ossia con un linguaggio che consenta a tutti di capire le principali differenze tra le offerte e i rischi che si corrono, ad esempio, scegliendo un mutuo variabile indicizzato all'Euribor rispetto ad uno ancorato al tasso Bce. Oppure un mutuo a tasso variabile ma con rata fissa rispetto ad un mutuo "classico" con rata variabile.

Per ciascun prodotto, poi, dovrà essere riportato:

  1. il tasso di interesse, e quando si tratta di tasso variabile, lo spread, il parametro di riferimento e l'ammontare del tasso stesso al momento della pubblicazione del dossier, con l'avvertenza in questo caso il tasso è solo a titolo di esempio;
  2. la durata minima e massima;
  3. le modalità di calcolo del piano ammortamento;
  4. la periodicità delle rate.

Informazioni più chiare e quindi meno rischi di prodotti inadatti.  La presenza di questo documento, al di là del valore proprio legato alla trasparenza, limiterà concretamente la possibilità di offerte di prodotti poco chiari o con troppe opzioni, non adatti, insomma al profilo di chi si presenta allo sportello.  Se la chiarezza a voce manca, infatti, basterà allungare una mano e prendere il documento per capirci di più.

Per chi ha già il mutuo le informazioni a casa, e per chi avesse dubbi o volesse valutare la possibilità di cambiare prodotto, avendo già un mutuo in corso, la lettura sarà ancora più facilitata. Con le nuove disposizioni il dossier arriverà direttamente a casa, in occasione della prima comunicazione periodica utile, ossia al massimo entro il prossimo 15 aprile.

di Antonella Donati

6 marzo 2009 · Piero Ciottoli

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.