Le garanzie autonome del credito

L'esperienza dei commerci internazionali ha spinto gli operatori “domestici” ad utilizzare la fideiussione, ma forzandone le regole ed alterandone i limiti a favore del creditore garantito, fino a creare un nuovo strumento di garanzia: il contratto autonomo di garanzia. Tale contratto (a volte denominato anche fideiussione bancaria o automatica, polizza fideiussoria, ecc.) rafforza la posizione del creditore di fronte al garante, il quale sarà tenuto ad un pagamento “a prima richiesta”, automatico ed immediato, senza poter sollevare tutte quelle eccezioni che la legge riconosce al fideiussore.

Le ragioni di questo indebolimento della posizione del garante sono molteplici. Negli scambi internazionali, la garanzia autonoma mette al sicuro il committente, che può essere anche lo stato o una agenzia statale del paese nel quale deve essere realizzata l'opera (un appalto o un contratto di fornitura), da rischi interni al rapporto contrattuale (mancata restituzione degli anticipi, vizi dell'opera, interruzione della fornitura, ecc.) e da rischi esterni, i cosiddetti rischi atipici (soprattutto rischio politico: blocchi all'esportazione, restrizioni valutarie, ecc.). Nei rapporti interni, sono sorte delle necessità analoghe nei contratti con la pubblica amministrazione.

Nel settore privato, poi, le banche - in posizione di beneficiari delle garanzie al credito - hanno molto eroso le garanzie a tutela del garante poste dalla disciplina codicistica. Con l'evolversi dei traffici (interni ed internazionali), si è sempre più sentita l'esigenza di meccanismi di garanzia più semplici e duttili, che non intralcino l'attività del debitore e consentano al creditore di renderli operanti senza difficoltà. Analogamente, le banche, che finanziano in modo sempre pi ù cospicuo la gran parte degli operatori economici, hanno preteso (ed ottenuto) la creazione di strumenti atti a recuperare agevolmente il credito, s ì che possa essere prontamente re-immesso nel ciclo economico.

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su le garanzie autonome del credito.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.