Le conseguenze della vessatorietà

Secondo l'articolo 1469 quinquies quando una clausola è vessatoria, cioè determina un significativo squilibrio tra le prestazioni e non è stata oggetto di trattativa individuale né riproduce disposizioni di legge, essa è inefficace: il consumatore non è vincolato da ciò che essa dispone.

Di fondamentale importanza sono due ulteriori precisazioni:

- la clausola vessatoria è inefficace ma il contratto rimane efficace per tutto il resto.

Si è voluto in tal modo evitare che la riconosciuta vessatorietà di una sola clausola potesse far venir meno l'intero contratto, al quale il consumatore può attribuire lo stesso (una volta eliminato l'obbligo di osservare la condizione vessatoria) un interesse da perseguire, magari perché non dispone di una valida alternativa per conseguire altrimenti quel bene o quel servizio di cui aveva

- l'inefficacia opera soltanto a vantaggio del consumatore e può essere rilevata d'ufficio dal giudice.

L'intera disciplina, come si è già osservato, è posta a tutela degli interessi di una sola parte - il consumatore - e conseguentemente si vuole escludere che sia invece il professionista ad avvantaggiarsene, avvalendosi del carattere vessatorio perché, ipoteticamente, nel caso concreto egli ha interesse a farla dichiarare inefficace.

La precisazione della rilevabilità d'ufficio ha una rilevanza esclusivamente processuale e significa che il giudice potrà accertare il carattere vessatorio della clausola anche se il consumatore non ha avanzato alcuna domanda in tal senso.

Dato che l'inefficacia dovuta alla vessatorietà opera solo a vantaggio del consumatore deve dedursi che la pronuncia d'ufficio non potrà avvenire quando, nel caso concreto, essa favorirebbe il professionista.

Offri il tuo contributo alla visibilità di indebitati.it

Ti chiediamo la cortesia di voler contribuire ad accrescere la visibilità di indebitati.it cliccando su una delle icone posizionate qui sotto: per condividere, con un account Facebook, Google+ o Twitter, il contenuto di questa pagina oppure per iscriverti alla newsletter o al feed della comunità. Qualora lo preferissi, puoi seguirci sui social cliccando qui. Un grazie, per la tua attenzione, dallo staff.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Assistenza gratuita, briciole di pane e commenti

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su le conseguenze della vessatorietà . Clicca qui.

Stai leggendo Le conseguenze della vessatorietà Autore Giovanni Napoletano Articolo pubblicato il giorno 25 giugno 2013 Ultima modifica effettuata il giorno 19 giugno 2016 Classificato nella categoria tutela consumatori - credito al consumo Inserito nella sezione tutela consumatori del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

cerca