Libretti di risparmio al portatore di pensionati ed eredi » Blocco delle banche

Attenzione » il contenuto dell'articolo è stato oggetto di revisioni normative e/o aggiornamenti giurisprudenziali successivi alla pubblicazione e le informazioni in esso contenute potrebbero risultare non corrette o non attuali. Potrai trovare i post aggiornati sull'argomento nella sezione di approfondimento in fondo alla pagina, oppure qui.

Le banche bloccano i libretti di risparmio al portatore di pensionati ed eredi

A causa delle maxi multe imposte dal Decreto Salva Italia molti pensionati ed i loro eredi si sono trovati, dalla sera alla mattina, con i loro libretti di risparmio al portatore completamente prosciugato o, comunque, bloccati dall'Istituto di credito.

Come è successo? Dal 31 dicembre 2011, i libretti di risparmio al portatore possono ormai avere solo un saldo di massimo 999,99 euro: una misura voluta dal Governo Monti, ma passata inosservata sotto gli occhi di tutti.

Infatti, all'articolo 12, comma 1, del decreto legislativo 201/2011 (cosìdetto Decreto Salva Italia), si legge: Le limitazioni all'uso del contante e dei titoli al portatore, dicui all'articolo 49, commi 1, 5, 8, 12 e 13, del decreto legislativo21 novembre 2007, numero 231, sono adeguate all'importo di euro mille:conseguentemente, nel comma 13 del predetto articolo 49, le parole:"30 settembre 2011″ sono sostituite dalle seguenti: "31 dicembre 2011".

In caso di mancato rispetto di questo limite, il Ministero dell'Economia e delle Finanze irroga delle sanzioni di minimo 3.000 euro.

Una cifra spropositata, se si considera che i libretti di risparmio sono da sempre utilizzati dai pensionati o comunque da gente anziana, per conservare gli ultimi risparmi di una vita ed, eventualmente, trasferirli agli eredi.

Ed a volte la sanzione è così elevata da andare a superare l'intero importo del libretto che, pertanto, non viene più restituito all'avente diritto dall'istituto di credito.

Le banche erano tenute a dare ampia comunicazione e diffusione a questa notizia tra i rispettivi clienti.

Ma, come spesso succede nel nostro Paese, le comunicazioni non sono mai avvenute.

Perciò, dall'entrata in vigore del decreto, ogni libretto di risparmio con saldo pari o superiore a mille euro si sarebbe dovuto chiudere oppure essere ridotto 999,99 euro.

Chi non si è messo in regola subisce l'applicazione di una multa di non meno di tremila euro, con conseguente blocco dell'intero libretto se di importo inferiore appunto a tale sanzione.

Uno scandalo, anzi, una truffa chiara e trasparente a gente che ha risparmiato per anni, portata a termine anche con la complicità degli istituti di credito che, come sempre, fanno buon viso a cattivo gioco.

31 luglio 2013 · Stefano Iambrenghi

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.