Ancora su Agenzia Debiti - lo "choccante" servizio delle IENE

Di agenzie che promettono miracolistiche ed ingannevoli riduzioni del debito, cancellazioni delle segnalazioni di cattivo pagatore dalle Centrali Rischi e riabilitazioni dal protesto, ne son venute fuori, come funghi, tantissime, negli ultimi anni. Le Iene hanno trasferito in video, nel corso della puntata del 13 gennaio scorso, la truffa nascosta dietro "Agenzia Debiti" (oggi in fallimento e già sanzionata dall'Antitrust proprio per pratiche scorrette ed ingannevoli, come si evince dalla lettura della sezione precedente) la cui attività consisteva nel proporre l'improbabile chiusura di posizioni debitorie, anche rilevanti, presso banche, finanziarie, società di recupero crediti ed Equitalia, addirittura.

Le Iene avevano seguito per mesi l'Agenzia Debiti ed inserito un infiltrato nell'organico come aspirante operatore telefonico, allo scopo di carpire le tecniche di reclutamento del personale e di comunicazione persuasiva adattate con i clienti. Si è scoperto, così, che l'agenzia riceveva circa 2000 richieste al giorno. A rispondere c'erano 100 operatori di un call center e ciascuno di essi perfezionava, in media, 3 contratti da 390 euro.

In particolare, in fase di formazione e training, il personale veniva istruito a non farsi intenerire dalle storie dei clienti e a garantire un risparmio certo del 70%, millantando come già individuata la soluzione per risolvere il caso specifico.

E, se il cliente non cedeva, il consiglio era di mettergli paura, disegnando uno scenario a breve termine di pignoramento ed espropriazione della casa.

Racconta un "pentito" A un certo punto me ne sono andato. Ti rendi conto di quante persone stai truffando e di quante cose hai sulla coscienza una volta uscito da quell'agenzia. Una volta una signora mi ha detto che se mi pagava la rata di 390 euro non poteva compare la nuova sedia a rotelle. Io ho chiesto subito assistenza a un team leader e lui mi ha consigliato di non pensare a quello che mi aveva detto, ma di rifilarle la documentazione. E io gli ho detto che non me la sentivo. Allora si è messo lui al telefono e ha cercato di convincere la signora dicendole: Mi raccomando signora, se lei non si affida a noi poi le vengono a prendere addirittura la casa. Ovviamente la signora si è spaventava e ha comprato la documentazione”..

Dunque, occorrevano solo 390 euro per ridurre del 70% il debito con Equitalia. E tutti sappiamo che con Equitalia nessun patteggiamento è possibile, almeno per i comuni debitori. La trasmissione andata in onda il 13 gennaio 2013, opportunamente intitolata "Poveri e Illusi", ha lanciato l'ennesimo allarme sul pericolo di incappare nelle agenzie che promettono di risolvere ogni tipo di problema debitorio con il metodo del "saldo e stralcio", che consiste nel contrattare con il creditore un importo ridotto a chiusura della posizione originaria di insolvenza.

Nel servizio, la giornalista Nadia Toffa finge di avere un debito di 50 mila euro con Equitalia. L'operatore risponde Possiamo proporle una contrattazione a saldo e stralcio nella misura del 30% di quanto dovuto. Poi spiega Il debitore se ne sta a casa sua bello e tranquillo e noi lo assistiamo. Ovviamente dobbiamo pagare questo servizio e il costo dell'avvocato per la prima disamina. E c'è un costo di 390 euro.

Le spese venivano giustificate con i costi per l'invio di documentazione e l'analisi della pratica da sottoporre ad un avvocato specializzato. Alla domanda su cosa fosse successo nel caso in cui la transazione non fosse andata a buon fine, la risposta è stata questa Non è mai successo!. Non c'è volta in cui non abbiamo trovato anche un piccolo cavillo che ci desse la possibilità di procedere all'annullamento della cartella esattoriale. Non è nostra intenzione mettere in difficoltà le persone.

Una volta abboccato al primo contatto, l'agenzia pretendeva sempre più denaro facendolo passare per acconti e spese, fino ad arrivare a somme a cinque zeri. "Sono false illusioni", spiega l'avvocato Maurangelo Rana, interpellato dalla Toffa, "Non esistono sistemi magici per risolvere questo tipo di debiti, soprattutto in quelle percentuali".

L'Agenzia Debiti è stata fermata da un'indagine della Guardia di Finanza, che l'ha portata al fallimento e dall'Antitrust. Ma, purtroppo ce ne sono ancora molte in piena attività.

Questo il video.

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su ancora su agenzia debiti - lo "choccante" servizio delle iene.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.