Cosa fanno le debt agency

Dal 2008 si sono affacciate anche in Italia alcune debt agency ovvero agenzie che promettono di liberare una volta per tutte dai debiti. In certi casi utili, spesso superflue, a volte controproducenti, e talora fraudolente. Ma cosa fanno esattamente, quale ruolo svolgono o, almeno, asseriscono di poter svolgere?

Conviene partire scrivendo quello che non fanno. Da questo punto di vista è necessario distinguere le debt agency dalle finanziarie, che garantiscono di estinguere il debito pregresso per accaparrarselo (consolidamento debiti) facendo finire l'indebitato dalla padella alla brace.

Le debt agency - sgombriamo così subito il campo dagli equivoci - non concedono prestiti. A fronte di società serie che fanno bene il proprio lavoro (al massimo superfluo ma almeno non dannoso) si segnalano anche realtà truffaldine: diffidate da chi millanta di risolvere problematiche complesse e chiede denaro in anticipo.

Sappiate poi che alcune di queste agenzie cercano personale proveniente dal recupero crediti per mettere le mani sui clienti che versano nelle situazioni più gravi. Le controparti, insomma, a volte si scoprono alleate, con l'unico comune obiettivo di "spennare" il malcapitato debitore. Insomma, per dirla tutta, si rischia di finire come finì Pinocchio con il gatto (società di recupero crediti) e la volpe (la debt agency di turno).

I servizi forniti dalle debt agency sono di tre tipi:

  1. assistenza nella definizione di vantaggiosi accordi stragiudiziali per debiti di origine erariale e contributiva  (Agenzia delle Entrate, INPS, Equitalia) e , più frequentemente, per quelli contratti con finanziarie e banche. La  promessa è, ovviamente, quella di far pagare il meno possibile al proprio cliente;
  2. consulenza per la protezione dei patrimoni dall'aggressione di eventuali creditori (trust e fondo patrimoniale);
  3. cancellazione delle segnalazioni dal Registro informatico dei Protesti (RIP) e dalle banche dati dei cattivi pagatori (CRIF, Experian, CTC, CR e CAI).

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.