La vita in gioco

In Italia nel 2007 sono stati spesi per il gioco d'azzardo più di 40 milioni. 700 mila sono i giocatori patologici, persone che dipendono dal gioco come si dipende da una droga.

Storie che iniziano spesso con la perdita di pochi euro e finiscono con una vita distrutta da una dipendenza che monopolizza i pensieri, annulla i rapporti sociali, diventa passione devastante e totale. I giocatori parlano del loro rapporto con il gioco, di quel dialogo ossessivo che non lascia respiro.

Ogni nuova giocata è uno stimolo, ogni perdita aumenta il desiderio di giocare ancora. Fino all'ultimo euro. E allora, pur di continuare a giocare ci sono gli imbrogli, la vendita di tutto ciò che è vendibile, i debiti e il ricatto degli usurai. E la vita diventa un incubo non solo per il giocatore ma anche per chi vive con lui.

14 agosto 2008 · Patrizio Oliva

Offri il tuo contributo alla visibilità di indebitati.it

Ti chiediamo di contribuire ad accrescere la visibilità di indebitati.it cliccando su una delle icone posizionate qui sotto: per condividere, con un account Facebook, Google+ o Twitter, il contenuto di questa pagina oppure per iscriverti alla newsletter o al feed della comunità. Qualora lo preferissi, puoi seguirci sui social cliccando qui. Un grazie, per la tua attenzione, dallo staff.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Raccolte di altri articoli simili - clicca sul link dell'argomento di interesse

,

Approfondimenti e integrazioni

Assistenza gratuita, briciole di pane e commenti

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su la vita in gioco. Clicca qui.

Stai leggendo La vita in gioco Autore Patrizio Oliva Articolo pubblicato il giorno 14 agosto 2008 Ultima modifica effettuata il giorno 22 gennaio 2017 Classificato nella categoria attualità gossip politica del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti


cerca