La ricontrattazione del mutuo – cambiamo tasso e durata senza spese di banca e senza spese notarili

Cosa è la ricontrattazione o rinegoziazione (Bersani) del mutuo

La ricontrattazione del mutuo è un istituto di nuova affermazione nel panorama giuridico europeo, ma è comunque legato a un nuovo accordo di entrambe le parti (banca - cliente), e difficilmente può essere oggetto di una pretesa unilaterale da parte del mutuatario.

La ricontrattazione del mutuo riguarda principalmente il tasso e/o la durata. Ai sensi della Legge 244/2007 (legge Bersani) è sempre salva la possibilità del creditore originario e del debitore di pattuire la variazione delle condizioni del contratto di mutuo in essere senza spese e mediante scrittura privata anche non autenticata.

Nei casi in cui qualche banca abbia obiettive ragioni per chiedere di formalizzare l'accordo di ricontrattazione in forma notarile o autentica il Consiglio Nazionale del Notariato ha comunicato la disponibilità a una concreta riduzione dei compensi dovuti per l'intervento del notaio.

Con la finanziaria 2008, per chi decide la ricontrattazione del mutuo con la propria banca diventa legge la possibilità di effettuare l'operazione senza ricorrere al notaio. Il testo della Finanziaria, infatti, precisa che è possibile “pattuire la variazione, senza spese, delle condizioni del contratto di mutuo in essere, mediante scrittura privata anche non autenticata.”

Alla ricontrattazione del mutuo ci si riferisce spesso come alla rinegoziazione del mutuo

Per porre una domanda sulla ricontrattazione o rinegoziazione (Bersani) del mutuo, sul contratto di mutuo in generale, sulle tipologie di mutuo, sulle normative vigenti in tema di mutuo ipotecario, clicca qui.

16 agosto 2013 · Piero Ciottoli

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su la ricontrattazione del mutuo – cambiamo tasso e durata senza spese di banca e senza spese notarili.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

  • mutuo surroga 20 luglio 2008 at 08:53

    La rinegoziazione o ricontrattazione del mutuo è l'operazione con la quale si ridefiniscono, con la stessa banca, le condizioni del contratto di mutuo.
    Cosa può essere modificato al fine di abbassare la rata ?

    * Il tipo di tasso del mutuo ( rinegoziare il tasso ad esempio da tasso variabile a tasso fisso )
    * Il tasso, adeguando ad esempio lo spread, ovvero il guadagno della banca, agli spread di mercato
    * La durata del mutuo (rinegoziazione o modifica della durata del mutuo)

    Quali sono i costi e le spese di rinegoziazione ?

    * Nessuna commissione bancaria
    * Nessuna imposta sostitutiva
    * Spese notarili / parcella notaio : L'atto notarile è opzionale e comunque la parcella dovrebbe essere molto bassa (400/500 euro iva inclusa)
    * Se previsto dal mutuo originario è possibile la detraibilità degli interessi

    Conviene rinegoziare il mutuo ?

    Si la rinegoziazione può risultare conveniente, ma la banca può rifiutarsi di rinegoziare il mutuo. Inoltre può essere difficile ottenere sconti sul tasso applicato soprattutto se non si ha una situazione finanziaria stabile e la via più semplice per abbassare la rata può risultare quella di rinegoziare la durata del mutuo ottenendo così una liquidità aggiuntiva.

1 2