Cosa è la responsabilità patrimoniale del debitore

La responsabilità patrimoniale del debitore è prevista dall'articolo 2740 del codice civile. La responsabilità patrimoniale del debitore comporta che il debitore risponde dell'adempimento delle proprie obbligazioni con tutti i suoi beni. In casi eccezionali l'inadempimento comporta l‘applicazione di una pena pecuniaria o di una pena detentiva.

Questo si verifica soprattutto in caso di mancato pagamento dei contributi al mantenimento o in caso di bancarotta fraudolenta. Il debitore risponde dell'adempimento delle sue obbligazioni con tutti i suoi beni presenti e futuri. Inoltre i creditori hanno eguale diritto di essere soddisfatti sui beni del debitore, salve le cause legittime di prelazione. Sono cause legittime di prelazione i privilegi, il pegno e le ipoteche.

I creditori naturalmente vogliono tutelare il proprio diritto nei confronti del debitore perché quest’ultimo può tanto in mala fede quanto in buona fede (ad es. investimenti in borsa) diminuire o accrescere i propri beni o addirittura oberarsi di debiti. Il creditore inoltre vuole tutelare il proprio credito nei confronti di altri eventuali creditori, i quali possano improvvisamente intervenire nel corso di una esecuzione forzata individuale o collettiva (concorso), chiedendo la soddisfazione proporzionalmente al proprio credito. Al riguardo i creditori possono ricorrere agli istituti del privilegio, del pegno e dell'ipoteca.

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su cosa è la responsabilità patrimoniale del debitore.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

  • tonylogan63 1 maggio 2012 at 16:02

    Quali responsabilità hanno rispettivamente il cointestatario e il garante in un finanziamento ?

    • Simone di Saintjust 1 maggio 2012 at 17:12

      Se il garante non ha riservato per sé, da contratto, il beneficio di escussione, fra cointestatario e garante non c'è alcuna differenza sostanziale, se si esclude quella che al cointestatario vengono erogati i fondi del finanziamento. Il creditore può decidere liberamente di agire, in caso di insolvenza, nei confronti del garante o dei debitori principali.

      Se, invece, il garante gode del beneficio di escussione allora, in caso di mancato rimborso, il creditore è obbligato ad escutere in via prioritaria i debitori principali cointestatari. E solo in caso di provata impossibilità a pignorare beni dei debitori principali, il creditore può avviare azioni esecutive nei confronti del garante.

    1 2 3 4