La rateazione della cartella esattoriale dopo le recenti modifiche di legge [Commento 2]

  • Andrea Ricciardi 10 maggio 2012 at 16:01

    Importanti novità, in vigore dal 2 marzo 2012, riguardano la dilazione di pagamento dei debiti tributari.

    L'Agente della riscossione può, su istanza della parte interessata, concedere la dilazione del pagamento delle somme iscritte a ruolo o portate dagli accertamenti esecutivi, anche con previsione di rate di importo crescente (piuttosto che costante) ma sempre nel limite massimo di 72 mesi. Le dilazioni già in corso al 2 marzo 2012 ed a rata costante non sono rinegoziabili, salvo richiesta di proroga.

    La dilazione in corso non impedisce la partecipazione a gare pubbliche in quanto gli importi in oggetto non si considerano scaduti ed esigibili.

    Dalla presentazione dell'istanza, l'Agente della riscossione non può iscrivere ipoteca sui beni del debitore se non a seguito del rigetto dell'istanza o della decadenza dalla dilazione con­cessa. Resta valida l'ipoteca eventualmente iscritta precedentemente all'istanza.

    In caso di peggioramento della situazione di temporanea situazione di difficoltà in base alla quale è stata concessa la dilazione, la parte può chiedere un'ulteriore proroga di altri 72 mesi.

    Si ha decadenza dalla dilazione solo in caso di mancato pagamento di due rate consecutive.

    art. 1 DL 16/2012 conv. in L. 44/2012

1 2

Torna all'articolo