Rateazione cartella esattoriale per debiti contributivi

Attenzione » il contenuto dell'articolo è stato oggetto di revisioni normative e/o aggiornamenti giurisprudenziali successivi alla pubblicazione e le informazioni in esso contenute potrebbero risultare non corrette o non attuali. Potrai trovare i post aggiornati sull'argomento nella sezione di approfondimento in fondo alla pagina.

La rateazione della cartella esattoriale originata da debiti contributivi

Per i debiti contributivi che fanno capo all'INPS è possibile chiedere la rateazione sia all'INPS stessa sia ad Equitalia spa - Agente della riscossione. Questa alternativa è possibile grazie alla riforma attuata con la legge numero 31/2008 che [ ... leggi tutto » ]

Gli effetti della legge 31/2008 sulla riscossione coattiva

In particolare, è stata trasferita agli Agenti per la riscossione coattiva  la competenza a decidere sulle rateazioni, competenza prima riservata agli Enti impositori (INPS, INAIL, Agenzia delle Entrate,….). La novità riguarda i crediti iscritti a ruolo ossia quelli già affidati dagli enti impositori agli Agenti per la riscossione coattiva. [ ... leggi tutto » ]

La rateazione della cartella esattoriale originata da debiti assicurativi

Ciò a differenza dell'Inail, che non ha voluto conservare la facoltà di concedere dilazioni ritenendo opportuno avvalersi esclusivamente dell'attività degli Agenti della riscossione [ ... leggi tutto » ]

Prospetto delle possibilità di rateazione per debiti contributivi

Riassumendo: Per i debiti non iscritti a ruolo permane la competenza dell'Inps a concedere rateazioni fino a un massimo di 24 mensilità; ovvero fino a 36 rate, su parere del Ministero del lavoro; l'Inps può concedere, previa autorizzazione del Ministro del lavoro di concerto con il Ministero dell'economia, rateazioni [ ... leggi tutto » ]