Impugnazione del verbale di multa » Ricorso al Prefetto

Il ricorso al Prefetto rappresenta un mezzo legislativo per poter chiedere l'oppizione ed il conseguente annullamento di un verbale di multa relativo ad una sanzione amministrativa, ed in particolare per le multa per violazione del Codice della Starda (CdS).

Tale strumento, previsto dall'articolo 203 del Codice della Strada, è alternativo rispetto al ricorso dinanzi al Giudice di Pace ma non sostitutivo. Poiché il ricorrente può sempre, in caso di esito negato del ricorso al Prefetto, presentare ricorso innanzi al competete giudice di pace.

Il ricorso al Prefetto va presentato entro il termine perentorio dei 60 giorni dalla contestazione o notifica della multa, a tal proposito bisogna leggere attentamente la data riportata sul timbro postale, sempre che non sia stato effettuato il pagamento in misura ridotta nei casi consentiti.

Il ricorso si presenta, in carta semplice, secondo le norme del Codice della Strada direttamente al Prefetto del luogo in cui è stata commessa la violazione con lettera raccomandata con ricevuta di ritorno; oppure all'ufficio o al comando che ha elevato la multa (ad esempio Comando dei Vigili Urbani, Polizia Stradale, Carabinieri ecc.).

Il ricorso può essere consegnato direttamente oppure inviato con raccomandata con ricevuta di ritorno.
In entrambi i casi si possono allegare i documenti ritenuti idonei a dimostrare la fondatezza del ricorso e può essere richiesta l'audizione personale.

I tempi del procedimento amministrativo sono i seguenti:

  1. Se il Prefetto riceve direttamente il ricorso, deve trasmetterlo entro 30 giorni all'ufficio o comando “l'organo accertatore” cui appartiene l'organo che ha elevato la multa, quest’ultimo, ricevuto il ricorso, ha 60 giorni per fare l'istruttoria ed è tenuto a trasmettere tutti gli atti al Prefetto, accompagnati dalle deduzioni tecniche utili ai fini del ricorso.
  2. Se il ricorso è stato presentato o inviato direttamente all'ufficio che ha elevato la multa, questo ha sessanta giorni di tempo per inoltrarlo al Prefetto, con le deduzioni di cui sopra.

Il Prefetto, ricevuto il dossier da parte dell'organo accertatore ed esaminati i documenti, sentiti gli interessati che ne abbiano fatto richiesta può respingere il ricorso ed emette entro centoventi giorni, che decorrono dalla data di ricezione degli atti da parte dell'ufficio che ha elevato la multa, un'ordinanza motivata con la quale ingiunge il pagamento di una somma non inferiore al doppio della sanzione minima per la violazione, più le spese del procedimento.

L'ingiunzione di pagamento deve essere notificata al cittadino entro 150 giorni dalla data di emissione dell'ordinanza stessa.

Si rileva, che se nel ricorso si richiede d'essere ascoltati dal Prefetto, il termine di 120 giorni si interrompe con la notifica dell'invito a presentarsi ed in questo caso i tempi possono essere ulteriormente differiti.

  • mancata dimostrazione e carenza della corretta funzionalità del dispositivo elettronico;
  • difetto di titolarità della Polizia municipale;
  • mancanza di prova in ordine alla corretta taratura della strumentazione utilizzata;
  • omessa indicazione dei motivi che hanno reso impossibile la contestazione immediata;
  • tardiva notifica del verbale di contestazione (Il verbale di contestazione deve essere notificato entro 150 giorni dal giorno della contestazione);
  • i dati anagrafici del proprietario del veicolo non corrispondono a quelli indicati nella contravvenzione;
  • omessa indicazione del luogo, giorno ed ora della commessa violazione;
  • omessa indicazione della norma violata.
  • In conclusione, si consiglia, prima di redigere e presentare un ricorso al Prefetto, di leggere attentamente il verbale di contestazione della violazione e fare un breve ricerca giurisprudenziale (su internet, manuali, testi ecc.) con l'individuazione delle sentenze più favorevoli al caso specifico.

    31 maggio 2013 · Tullio Solinas

    Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

    Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su impugnazione del verbale di multa » ricorso al prefetto.

    Commenti e domande dei lettori

    Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.