I soggetti obbligati a presentare la dichiarazione di successione e quelli esonerati

Sono obbligati a presentare la dichiarazione di successione:

  1. gli eredi e i legatari, ovvero i loro rappresentanti legali;
  2. gli immessi nel possesso dei beni, in caso di assenza del defunto o di dichiarazione di morte presunta;
  3. gli amministratori dell'eredità;
  4. i curatori delle eredità giacenti;
  5. gli esecutori testamentari;
  6. i trust.

Se più persone sono obbligate alla presentazione della dichiarazione è sufficiente presentarne una.

Non c'è obbligo di dichiarazione se l'eredità è devoluta al coniuge e ai parenti in linea retta del defunto e l'attivo ereditario ha un valore non superiore a 25.823 euro e non comprende beni immobili o diritti reali immobiliari. Queste condizioni possono venire a mancare per effetto di sopravvenienze ereditarie.

Gli eredi e i legatari che hanno presentato la dichiarazione di successione in cui sono indicati beni immobili sono esonerati dall'obbligo della dichiarazione ai fini dell'imposta municipale propria (Imu). Spetta, infatti, agli uffici dell'Agenzia delle Entrate, competenti a ricevere la dichiarazione di successione, trasmetterne copia a ciascun Comune in cui sono ubicati gli immobili.

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su i soggetti obbligati a presentare la dichiarazione di successione e quelli esonerati.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.