La conversione di magdi allam, una voce fuori dal coro

Stamani, girovagando per i blog di WordPress mi sono imbattuta in molti articoli che parlavano del battesimo di Magdi Allam.

Anche la stampa e la televisione se ne sono occupati. Direi troppo.

Io sono laica. Quindi per me chiunque ha il diritto di scegliere come vivere ed in cosa credere.

Sono altresì convinta che la conversione sia, e debba essere, il frutto di una seria, dolorosa e tormentata elaborazione interiore e spirituale.

Ho avuto modo, ieri sera, di ascoltare alcune considerazioni, molto critiche, di Sergio Romano in riferimento non alla conversione di Magdi Allam in sè stessa, ma al modo in cui tale conversione è stata pubblicizzata.

Non ho ancora contributi da offrire sul commento di Sergio Romano. Magari, in seguito, aggiungerò link ad articoli o video.

In mancanza, scriverò quello che penso.

Quasi tutti i commenti parlano di una conversione solenne, di un gesto eroico da parte di Magdi Allam, di una vittoria della fede (se di vittoria per quella cattolica si tratta, è, conseguentemente, una implicita sconfitta per quella musulmana).

Io definirei il tutto un atto provocatorio. E di questa provocazione non si sentiva certamente il bisogno.

Il battesimo non è uno spettacolo da circo equestre. Non è, non deve essere, una occasione di propaganda cattolica. Questo è sembrato ai più il rito pubblico del battesimo di Magdi Allam, officiato nientepopodimenoche dal Papa, addirittura. Una operazione di bassa macelleria clericale (non la conversione beninteso, ma il modo in cui è stata strumentalizzata) data la sovraesposizione mediatica di cui l'evento organizzato è stato oggetto e grazie al significato intrinseco di cui la vicenda è stata inevitabilmente caricata.

Ripeto, da laica sono convinta che la religiosità, la spiritualità ed il battesimo siano cose molto serie per poter essere sfruttate in questo modo, che definirei indegno. Ma da un tale papa integralista e da un individuo che della scontro fra religioni (e tutto quello di negativo che da questo scontro discende) sembra aver fatto una professione, la propria bandiera, non ci si poteva aspettare altro.

In più mi chiedo banalmente: Magdi Allam non poteva farsi battezzare dal parroco di una parrocchia di campagna, in un modo più consono all'evento (una conversione)? Ritengo che sarebbero state necessarie una maggiore riservatezza ed una più intima discrezione. Un po' più di rispetto non avrebbe nuociuto, anzi. Rispetto verso gli altri, quelli a cui non fregava nulla (come me) e verso coloro che hanno vissuto l'organizzazione mediatica dell'evento come un affronto (i musulmani). Stampa e TV non avrebbero focalizzato la propria ossessiva attenzione sull'episodio.

Avremmo comunque saputo, fra qualche giorno, della conversione.
Ma, in questo modo, tutto sarebbe sembrato diverso, più serio, più religioso soprattutto, meno ostentato.
Invece, il messaggio pare essere questo: "la religione cattolica ha acquisito un nuovo adepto. Per di più sottratto a quella musulmana, il che vale triplo. Siamo veramente forti".

Questa conversione pubblica da avanspettacolo è stato un plateale ed ingenuo gesto di protagonismo narcisista?

Lo spero, se così non fosse direi che forse proprio a Magdi Allam piace giocare col fuoco.

E se il gioco fosse limitato a lui ed a quelli che lo hanno condannato a morte per apostasia, non ci sarebbe alcun problema. In una lite fra pazzi furiosi, meglio non entrarci.

Ma il "Santo Padre" ed il "coraggioso" Magdi dovrebbero capire che, aggiungo purtroppo, le conseguenze di questa messinscena che tutto è, meno che un fatto di spiritualità, possono ricadere anche su chi non c'entra nulla. Come la storia e la cronaca insegnano.

Mi auguro, allora, che tutto resti confinato ad una esternazione di cattivo gusto, una manifestazione di contrapposizione e provocazione fra due opposte tifoserie: i cattolici da una parte, i musulmani dall'altra; come se ne vedono tante.

I cori della stampa e delle Tv ci sono, ci sono stati e continueranno per un po'. Magari in qualche chiesa si ringrazierà Dio per l'evento (il nuovo acquisto) ed in qualche moschea si chiederà ad Allah di punire il transfuga.

La fiera delle vanità ... e la vanità è un peccato.

24 marzo 2008 · Patrizio Oliva

Offri il tuo contributo alla visibilità di indebitati.it

Ti chiediamo di contribuire ad accrescere la visibilità di indebitati.it cliccando su una delle icone posizionate qui sotto: per condividere, con un account Facebook, Google+ o Twitter, il contenuto di questa pagina oppure per iscriverti alla newsletter o al feed della comunità. Qualora lo preferissi, puoi seguirci sui social cliccando qui. Un grazie, per la tua attenzione, dallo staff.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni

Assistenza gratuita, briciole di pane e commenti

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su la conversione di magdi allam, una voce fuori dal coro. Clicca qui.

Stai leggendo La conversione di magdi allam, una voce fuori dal coro Autore Patrizio Oliva Articolo pubblicato il giorno 24 marzo 2008 Ultima modifica effettuata il giorno 13 febbraio 2017 Classificato nella categoria attualità gossip politica del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

1 20 21 22

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti


cerca