La casta passò

Li abbiamo appena eletti e già ci sentiamo in diritto di frugargli nelle tasche, alla ricerca dei ‘benefit'dei nostri rappresentanti alla Camera. Che godano di privilegi, non c'è dubbio: dai viaggi gratuiti in treno e in aereo, agli ingressi gratuiti a cinema, stadio e teatro, all'assistenza sanitaria fino ai corsi di lingua e informatica. Ecco il lungo elenco di agevolazioni per deputato (e relativa famiglia).

Banca. Ci sono quattro sportelli bancari, di cui uno riservato esclusivamente ai deputati, i quali godono di condizioni di favore sia per i conti correnti sia per i mutui.

Portaborse. E' il collaboratore più fidato del rappresentante del popolo, la sua ombra. Ciascun deputato ha diritto ad accreditarne due, naturalmente stipendiati con fondi della Camera. Gli uffici sono ben attrezzati - postazioni informatiche connesse a internet, telefoni e tv per seguire le sedute dell'Aula; hanno sede a Palazzo Marini e sono assegnati dal presidente del gruppo di appartenenza.

Trasporti. Alla Camera ci sono tre agenzie di viaggi, gestite dalla Carlson Wagon lits. A ciascun deputato vengono rilasciate speciali tessere per usufruire gratuitamente del trasporto aereo e ferroviario. Per chi preferisce spostarsi in auto, il pedaggio autostradale è gratuito. Agevolazioni anche per il parcheggio: posti riservati, anche se in numero limitato, in Piazza del Parlamento. A tutti spetta inoltre il permesso per l'accesso alla zona a traffico limitato di Roma.

Sanità e fisco. I deputati e i loro familiari possono iscriversi a un fondo per l'assistenza sanitaria integrativa. Non solo: a Montecitorio c'è un ambulatorio della Asl RMA e un'ambulanza è sempre pronta per le emergenze. I nostri rappresentanti non vengono lasciati soli neanche al momento della dichiarazione dei redditi: un apposito ufficio li assiste nella compliazione dei modelli di denuncia fiscale.

Comunicazioni. Per quanto riguarda la posta, a ciascun deputato spetta un plafond per le spese; può servirsi di due uffici senza spostarsi troppo: uno all'interno di Montecitorio, l'altro nel palazzo dei gruppi in via Uffici del Vicario. Quanto all'uso del telefono, da tutti gli apparecchi nelle sedi della Camera si possono chiamare i numeri della zona di Roma: ciascuno dispone di un certo numero di scatti telefonici.

Informazione. Le agenzie di stampa italiane e le principali agenzie straniere sono tutte consultabili dai computer interni al palazzo e anche dall'esterno, tramite intranet. Nella sala di lettura attigua al Transatlantico sono disponibili i maggiori quotidiani e periodici italiani, i cui arretrati sono consultabili su richiesta. Ogni giorno viene predisposta una rassegna stampa via internet. I deputati possono usufruire di una sala stampa per incontrare, se richiesto, i giornalisti.

Beauty e relax. La barberia di Montecitorio è riservata ai deputati, ma quando non c'è seduta possono usufruirne anche i giornalisti parlamentari. Per le deputate, la Camera mette a disposizione buoni da utilizzare nei saloni convenzionati. Nei sotterranei della Camera, inoltre, c'è una sauna riservata ai parlamentari.

Cultura. I deputati amanti della lettura possono accedere a un patrimonio bibliografico di oltre un milione di volumi e 5mila periodici raccolti nella biblioteca di San Macuto. Hanno inoltre diritto a corsi gratuiti e personalizzati di informatica e di lingue straniere. Disponibile anche un servizio di interpreti.

Pausa pranzo. A Montecitorio c'è un intero ristorante a loro riservato. Per il caffè e uno spuntino veloce si può optare invece per la buvette in Transatlantico. In alternativa, sono in funzione anche i self service di Montecitorio, di Palazzo Marini e di palazzo San Macuto.

22 maggio 2008 · Patrizio Oliva

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

  • Sandro Viuuulenza!!!! 22 maggio 2008 at 20:08

    Il Trio Medusa non si distrae. Ma i giornali sì. E soffrono pure di amnesie. Tanto che si sono dimenticati di ricordare - se non in spazi microscopici, grossi come francobolli - che Berlusconi aveva promesso solo “12 ministri” (e invece - e per la gioia dei contribuenti che li dovranno pagare quasi 300mila euro all'anno a testa - ne ha nominati quasi il doppio). Tutti (o quasi) hanno glissato sui guai giudiziari - passati, presenti e futuri - di una buona fetta del governo (cioè di Bossi&Maroni&Fitto&Matteoli&Calderoli e pure Scajola). E tutti (o quasi) hanno anche steso un (pietoso) velo di oblio sugli ex soci (mafiosi) in affari del presidente (forzista) del senato, Renato Schifani. Tutti. O quasi. E chi ha parlato - come Marco Travaglio - è stato pubblicamente linciato. E dal suo stesso giornale (cioè “Repubblica”).

    E queste amnesie hanno coinciso con l'insediamento del cavaliere a capo del governo. E hanno coinciso anche con le richieste di Boris Biancheri, presidente degli editori.
    Che - proprio dalle pagine di Corriere, Stampa e Repubblica - ha lanciato un messaggio chiaro: è bello informare. Ma per farlo bene, ci vogliono altri danè. Sostegni che sempre il contribuente, in qualche modo, dovrebbe pagare. Richiesta diretta chiaramente al governo. Berlusconi, per l'appunto.

    Ma è una storia che continua da anni. Tanto che centinaia di serissimi redattori - di Corriere, Stampa e Repubblica e compagnia briscola - sono riusciti, in questi anni, nell'impresa di farsi soffiare “scoop” da professionisti del calibro di Capitan Ventosa (”Striscia la notizia”). O il Trio Medusa. E nel frattempo - per una strana coincidenza - i lettori dei giornali sono scappati. Solo nell'ultimo anno i quotidiani&co hanno venduto l'1% di copie in meno. E oggi soltanto 60 italiani su 1.000 al Sud (e 104 su mille al Nord) comprano un giornale. Come a dire: più che una minoranza, una riserva indiana. Di qui le preoccupazioni del presidente degli editori, Biancheri. Che ha gridato alla “crisi del settore”. E appunto è andato a batter cassa dal Cavaliere. Che ora è appunto primo ministro. E pure lui - ma per coincidenza, eh! - editore delle tivù Mediaset. Che invece vanno a gonfissime vele (4 miliardi di euro e passa di ricavi nel 2007 contro i 3,7 miliardi dell'anno precendente). E tra l'altro, danno lavoro anche a Capitan Ventosa. O il Trio Medusa.

    Insomma: ma và quante coincidenze. Coincidenze?