Carta di credito prepagata – una soluzione percorribile per chi ha subito un protesto [Commento 2]

  • mario arrigoni 29 ottobre 2009 at 13:09

    Arriva Conto Semplice: un'altra soluzione per i protestati (non c'è libretto assegni)

    Altroconsumo e altre associazioni di consumatori hanno sottoscritto con l'Abi (Associazione Bancaria Italiana) un accordo per introdurre sul mercato il cosiddetto Conto Semplice, un conto corrente studiato ad hoc per chi ha esigenze finanziarie di base (non prevede scoperto, libretto degli assegni, deposito titoli) con un canone annuo omnicomprensivo, senza alcuna spesa ulteriore.

    I servizi base concordati per questo conto prevedono tra gli altri 6 bonifici, un bancomat, l'home banking e alcune operazioni allo sportello.

    conto semplice

    Un prodotto nuovo

    Il Conto semplice è una buona alternativa per tutti coloro che hanno un utilizzo "di base" del conto corrente; ma è sicuramente anche un'opportunità di "inclusione finanziaria" per chi difficilmente riesce ad avere altre offerte dalle banche (protestati, immigrati, persone in difficoltà finanziaria).

    Bankitalia vigili sull'applicazione dell'accordo e il governo elimini l'imposta di bollo

    La buona riuscita di questo accordo dipenderà molto dal mercato e dalle banche. Staremo a vedere il prezzo a cui le banche offriranno il prodotto sul mercato.

    Ci auguriamo che le regole della concorrenza facciano la loro parte anche perché sarà facile per il consumatore confrontare le offerte (identiche per tutte le banche) in base al prezzo.

    È questa la grossa novità di Conto Semplice: l'offerta sarà identica, varierà solo il prezzo ed è quindi su quest'ultimo che le banche dovranno puntare per accaparrarsi il cliente.

    Precisiamo che si tratta di un accordo volontario, non c'è nessun obbligo di adesione per le banche, quindi vedremo quanti proporranno questo conto alla clientela.

    La Banca d'Italia, dal canto suo, deve vigilare affinché l'accordo venga rispettato dalle banche che aderiscono e il prodotto sia realmente offerto alla clientela.

    Ci aspettiamo che anche lo Stato faccia la sua parte: per la buona riuscita del prodotto è essenziale che l'imposta di bollo di 34,20 euro non venga applicata su Conto Semplice. Una esigenza di cui si farà portavoce la Banca d'Italia presso il Ministero dell'Economia.

1 2 3

Torna all'articolo