Carta di credito prepagata – una soluzione percorribile per chi ha subito un protesto

La carta prepagata è uno strumento rilasciato a fronte di un versamento anticipato di fondi effettuato all'emittente. Essa incorpora il potere d'acquisto pagato in via anticipata dal titolare della carta e viene emessa da banche, nel caso in cui la carta sia spendibile presso una molteplicità di esercenti (carta a spendibilità generalizzata), ovvero direttamente da fornitori di beni e servizi (es. pedaggi autostradali, servizi di telefonia); in questo ultimo caso, la carta può essere utilizzata esclusivamente per il pagamento di acquisti effettuati presso lo stesso emittente (carta fidelity o monouso). Per il rilascio della carta prepagata non è necessaria la titolarità di un conto corrente né viene effettuata da parte dell'emittente una valutazione di solvibilità del prenditore della carta.

Sul mercato sono disponibili sia carte “anonime” sia carte “nominative”. Entrambe, per motivi di sicurezza, hanno limiti di spesa. Le prime attualmente possono avere un valore spendibile fino ad un massimo di 500 euro e non sono ricaricabili. Le carte nominative hanno, invece, un valore massimo che differisce da emittente a emittente e possono essere ricaricate più volte. Il cliente ha diritto al rimborso totale delle somme presenti sulla carta al netto di un'eventuale somma trattenuta dalla banca a titolo di commissione entro i tempi eventualmente indicati dall'emittente.

La carta prepagata a spendibilità generalizzata può essere acquistata presso la banca emittente che, a fini distributivi, si può avvalere anche di altri soggetti autorizzati (ad esempio: promotori finanziari, altre banche, soggetti convenzionati quali i tabaccai).

La carta prepagata può essere utilizzata per effettuare operazioni di pagamento presso negozi o via internet; la carta prepagata può essere abilitata anche alle operazioni di prelievo. Queste ultime avvengono generalmente tramite sportelli automatici (ATM). Se la carta è collegata ad un circuito internazionale, le operazioni di pagamento e di prelievo possono essere effettuate anche all'estero. Tali operazioni vanno a diminuire, contestualmente alle transazioni, l'importo delle somme precedentemente versate dal cliente. La digitazione di un codice segreto (PIN) è sempre richiesta per le operazioni di prelievo. Alcuni emittenti richiedono tale digitazione anche per le operazioni di pagamento superiori a determinati importi.

Generalmente sono previsti presidi di sicurezza a tutela del titolare della carta in caso di furto o smarrimento della stessa (ad esempio: blocco carta).

Per fare una domanda sulle carte di pagamento (credito, debito, revolving, fidelity, prepagate ecc.), su protesti e protestati, su altri strumenti di pagamento e su tutti gli argomenti correlati clicca qui.

16 agosto 2013 · Chiara Nicolai

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su carta di credito prepagata – una soluzione percorribile per chi ha subito un protesto.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

  • Federyco 20 aprile 2012 at 13:47

    Sono un artigiano, 5 anni fa ho avuto 9 assegni protestati con tre diverse banche. Inoltre mi sono trovato nelle condizioni di essere insolvente con le stesse nel pagare le tre carte di credito assegnatemi.

    Oggi dopo 5 anni circa apro un nuovo laboratorio [falegname] volutamente a mio nome, e come previsto non mi è concesso avere neanche una carta prepagata con cui fare e ricevere bonifici.

    Almeno non al San Paolo Banco di Napoli e in Unicredit.

    Devo rassegnarmi a recarmi continuamente in banca per assegni circolari per i miei pagamenti e richiedere solo contanti ai miei clienti?

1 2 3