La Bce alza i tassi dello 0,25%, ora al 4,25% [Commento 1]

  • Trichet 3 luglio 2008 at 19:24

    L'aumento dei tassi di interesse nella zona euro al 4,25% deciso giovedì 3 luglio dalla Bce ha l'obiettivo di controbilanciare i rischi di aumento dei prezzi e dunque garantirne la stabilità: lo ha affermato il presidente della Banca centrale europea Jean-Claude Trichet, nella conferenza stampa seguita alla riunione del consiglio direttivo di questa mattina a Francoforte. Trichet ha rilevato il rallentamento della crescita economica ma ha puntualizzato che «i fondamentali restano solidi». L'inflazione resterà «elevata più a lungo del previsto - ha aggiunto Trichet - ma ne seguiremo sviluppi con molta attenzione».

    La lezione che le Banche centrali hanno imparato dal precedente shock petrolifero, quello degli anni 70 «è che coloro che lasciano andare l'inflazione al galoppo, rischiano effetti di secondo livello» su prezzi e salari dai rincari esterni. In questo modo si potrebbe aprire la strada «a un lungo periodo inflazione elevata, bassa crescita economica, o addirittura stagnazione, a un periodo di calo dell'occupazione».La decisione della Bce di aumentare i tassi di un quarto di punto al 4,25% è stata «unanime» ha precisato Trichet, nel corso della conferenza stampa al termine della riunione del direttivo.

    In prospettiva «non ci siamo impegnati in modo preventivo sulle future mosse sui tassi». ha detto ancora il presidente della Banca centrale europea, rispondendo a chi gli chiedeva di fare luce sulle prossime mosse dell'Eurotower sui tassi di interesse. «Non è importante» che la Bce non abbia parlato di un elevato stato di allerta come aveva fatto a inizio giugno, preannunciando l'attuale stretta. Il Consiglio direttivo «continuerà a comunicare con chiarezza ai mercati e agli osservatori le sue valutazioni in materia di tassi così da permettere a tutti di capire quello che stiamo facendo: comunicheremo in un modo che sarà del tutto chiaro ai mercati», ha aggiunto. La Bce è un'intituzione «indipendente» e non ha «bisogno di consigli esterni». Così ha ribadito il suo presidente a chi gli chiedeva un commento sulle pressioni esterne perchè mantenesse invariati i tassi di interesse.

1 2 3 6

Torna all'articolo