La banca non concede credito? Scende in campo il Prefetto

Attenzione » il contenuto dell'articolo è stato oggetto di revisioni normative e/o aggiornamenti giurisprudenziali successivi alla pubblicazione e le informazioni in esso contenute potrebbero risultare non corrette o non attuali. Potrai trovare i post aggiornati sull'argomento nella sezione di approfondimento in fondo alla pagina, oppure qui.

La banca nega il mutuo per la costruzione della casa, oppure il credito per il negozio o la piccola impresa, o il prestito per fare degli acquisti in più? Se la motivazione del rifiuto non convince e si è certi di aver diritto ai soldi arriva un nuovo strumento per far sentire la propria voce: il ricorso al Prefetto. Tutto gratuito, on line, e con la risposta in tempi rapidi. Almeno secondo quanto promette il nuovo sistema istituito dal governo presentato ufficialmente l'11 marzo.

Un nuovo organismo di controllo - Tutto si basa, dunque, sugli Osservatori Regionali presso le Prefetture che hanno il compito di verificare l'andamento del credito a famiglie e imprese. Si tratterà di controllare come e quanto le banche prestano soldi a fronte delle richieste presentate allo sportello. Obiettivo del monitoraggio individuare immediatamente eventuali problemi che dovessero sorgere in specifiche aree del territorio, oppure essere levati a specifici settori produttivi, dimensioni di impresa, o caratteristiche e composizione del nucleo familiare, e quindi individuare la soluzione e risolverli.

Soluzioni su misura - Gli Osservatori, infatti, dovranno assicurare la risoluzione di tutte le controversie sorte in materia di finanziamenti negati. Per questo il Prefetto chiederà alle banche di riesaminare le richieste e i reclami della clientela che si vede danneggiata nelle condizioni di erogazione del credito, e di trovare una adeguata alternativa rispetto al no iniziale.

Una semplice richiesta on line - Il meccanismo si attiva in base ad una richiesta inviata on line. Il Prefetto raccoglie le segnalazioni classificandole per banca e per tipologia di clientela e quindi scrive alle banche interessate inviando le pratiche di competenza e suggerendo un'istruttoria a livello di divisione regionale (o nazionale a seconda dell'organizzazione della singola banca). Su questa base la banca dovrà fornire una nuova risposta al cliente e informarne il Prefetto.

A breve i moduli - Una Direttiva dei Ministri dell'economia e dell'interno stabilirà le modalità effettive con cui opereranno le Prefetture e l'Osservatorio. Gli strumenti necessari, compreso il modulo on-line per la presentazione di istanze e reclami, saranno resi disponibili contestualmente alla Direttiva.

di Antonella Donati

17 marzo 2009 · Simonetta Folliero

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.