Il nuovo isee - ecco tutto ciò che devi conoscere

Riforma Isee: pronto il nuovo modello che si applicherà da Gennaio 2015.

Il nuovo ISEE riformato (l'Indicatore della Situazione Economica Equivalente) partirà dal primo gennaio 2015, per non creare confusione nelle famiglie e facilitare i comuni nel gestire i vari servizi al cittadino, che richiedono la presentazione di questo documento.

Lo ha affermato il ministro del Welfare, Giuliano Poletti, in audizione in commissione affari sociali alla Camera, aggiungendo che nelle prossime settimane sarà messa a disposizione la modulistica.

A parere del Ministro non sarebbe stato opportuno introdurre novità con l'anno scolastico già avviato.

Pertanto, da qui la decisione di rimandare l'applicazione del nuovo ISEE al 2015.

Ma, in sostanza, cosa cambierà con in nuovo Isee? Ebbene, sono tante le novità, tutte verso lo stesso orientamento: rendere dura la vita ai falsi poveri.

In sintesi potremmo dire che verrà presa in considerazione una gamma più ampia di tipologie di reddito, verrà ponderata meglio la situazione patrimoniale e prestata maggiore attenzione alle famiglie più numerose e alle persone disabili.

Ma cerchiamo di approfondire la questione.

Assistenza gratuita, briciole di pane e commenti

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su il nuovo isee - ecco tutto ciò che devi conoscere. Clicca qui.

Stai leggendo Il nuovo isee - ecco tutto ciò che devi conoscere Autore Andrea Ricciardi Articolo pubblicato il giorno 6 ottobre 2014 Ultima modifica effettuata il giorno 4 marzo 2017 Classificato nella categoria isee iseeu nucleo familiare e famiglia anagrafica (stato di famiglia) Inserito nella sezione lavoro, pensioni, famiglia separazione e divorzio, Isee del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

Contenuti suggeriti da Google

Altre info