Avvocati e fiscalisti le assicurano che l'ipoteca equitalia non ha alcun valore ma..

Avvocati e fiscalisti le assicurano che l'ipoteca Equitalia non ha alcun valore, essendo l'iscrizione avvenuta dopo la data di trascrizione dell'atto di donazione ai figli.

Tuttavia, è innegabile che la donazione a favore dei figli, avvenuta un anno prima della notifica della cartella esattoriale ha, evidentemente, buone probabilità di essere stata finalizzata a sottrarre al creditore la possibilità di portare a compimento l'azione di riscossione coattiva tramite pignoramento ed espropriazione dei beni immobili di proprietà del debitore.

Ed è altresì vero, che non è necessaria la notifica della cartella esattoriale per presumere di aver omesso o pagato in modo insufficiente tributi ed imposte. Già la notifica di un avviso di accertamento, non opposto, può far assumere al debitore la decisione di disfarsi degli immobili di proprietà.

Ora, un contribuente che si vede notificare l'iscrizione di ipoteca su beni la cui proprietà è stata trasferita ad altri, deve presentare ricorso, nei termini. Insieme ai soggetti a cui il bene è stato trasferito. Solo in questo modo si ribadisce la validità dell'atto di donazione, salvaguardando anche il diritto del soggetto a cui i bene è stato donato. E, soprattutto, si dà almeno la parvenza di un briciolo di buona fede.

Comportamenti d'inerzia assoluta, come quelli suggeriti da avvocati e fiscalisti che lei ha avuto modo di consultare, confermano, a mio parere, che l'atto di donazione configura solo un tentativo maldestro di sottrarsi alle azioni di riscossione coattiva.

In buona sostanza, non presentando ricorso ad iscrizioni ipotecarie che di fatto consideravano nulle le donazioni, è stato ottenuto il risultato di evitare ad Equitalia l'onere di dover ricorrere per la revoca degli atti di donazione ed a lei quello di dover  sostenere ulteriori, per quanto inutili, spese legali e di giudizio. In questo senso, non può essere non manifestato un plauso alla correttezza degli avvocati e dei fiscalisti che ha avuto modo di consultare.

Il suggerimento, in conclusione, è quello di chiedere ad Equitalia un piano di rateazione del debito e di cercare di rispettarlo. Che lei attenda o meno la prescrizione dell'azione di revoca degli atti di donazione esercitabile dal creditore è assolutamente ininfluente. Le ipoteche, in assenza di ricorso agli atti esecutivi (che non può più presentare per decadenza dei termini) resteranno iscritte sugli immobili donati, cristallizzate. Il che vuol dire che i suoi figli o i suoi nipoti pagheranno il debito, in occasione di un passaggio di proprietà o se il creditore deciderà di procedere per espropriazione.

19 settembre 2012 · Simonetta Folliero

Offri il tuo contributo alla visibilità di indebitati.it

Ti chiediamo di contribuire ad accrescere la visibilità di indebitati.it cliccando su una delle icone posizionate qui sotto: per condividere, con un account Facebook, Google+ o Twitter, il contenuto di questa pagina oppure per iscriverti alla newsletter o al feed della comunità. Qualora lo preferissi, puoi seguirci sui social cliccando qui. Un grazie, per la tua attenzione, dallo staff.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti


Cerca