Iscrizione di ipoteca esattoriale – illegittima se il debito è inferiore ad 8 mila euro

Attenzione » il contenuto dell'articolo è stato oggetto di revisioni normative e/o aggiornamenti giurisprudenziali successivi alla pubblicazione e le informazioni in esso contenute potrebbero risultare non corrette o non attuali. Potrai trovare i post aggiornati sull'argomento nella sezione di approfondimento in fondo alla pagina, oppure qui.

Equitalia non può ipotecare le case se il debito dei contribuenti non supera gli 8.000 euro. Il monito arriva dai giudici tributari di Napoli, una delle città dove si registra il maggior numero di ipoteche immobiliari basate su cartelle esattoriali.

I giudici della commissione tributaria del capoluogo campano, con la sentenza 50 della sezione 23, hanno così accolto il ricorso di un contribuente che si era visto ipotecare la propria abitazione da Equitalia Polis, la società di riscossione partecipata dall'Agenzia delle Entrate.

Alfonso M., difeso dall'avvocato Angelo Pisani dell'associazione Noiconsumatori, aveva scoperto, il 3 maggio 2007, che sulla sua casa era stata iscritta un'ipoteca per alcune cartelle esattoriali riferite a contravvenzioni risalenti ad anni compresi tra il 1987 e il 1995 e a mancati versamenti per la tassa sui rifiuti. Il totale richiesto ammontava a poco più di 2.000 euro.

Alfonso M. è ricorso alla giustizia tributaria sottolineando da lato che sia i verbali delle contravvenzioni, sia i tributi per la Tarsu non erano mai stati notificati, e d'altro canto l'avvocato Pisani ha evidenziato che "l'articolo 76 del Dpr 602 del 1973, che regola la riscossione, prevede espressamente che l'iscrizione di ipoteca è vietata quando il valore del credito da riscuotere è inferiore a 8.000 euro".

A questa eccezione l'ufficio legale di Equitalia ha replicato affermando che l'ipoteca andrebbe considerata semplicemente come "una forma autonoma di garanzia del credito". Una tesi che è stata respinta dalla commissione tributaria: "la garanzia ipotecaria - scrivono i giudici - è atto preordinato all'espropriazione con la conseguenza che qualora la vendita forzata non possa essere iniziata", come nel caso in cui il credito non superi il tetto minimo stabilito, "si deve escludere anche la possibilità dell'iscrizione stessa".

Inoltre, per quanto riguarda la mancata notifica dei verbali e delle cartelle esattoriali, la commissione ha precisato che "la semplice dichiarazione della concessionaria per la riscossione, secondo la quale le notifiche sono regolari, non può essere una prova" in mancanza di documenti che lo dimostrino. Infine, come non bastasse, Equitalia avrebbe avuto l'obbligo, prima di iscrivere ipoteca, di inviare un nuovo avviso invitando a pagare entro cinque giorni.

E in mancanza di risposta avrebbe dovuto procedere con l'ipoteca entro i successivi 180 giorni. Insomma, una sentenza che costituisce un decalogo per i diritti del contribuente.

7 aprile 2009 · Andrea Ricciardi

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

  • Giuseppe 10 febbraio 2011 at 02:33

    Salve,
    Sono grato che ci siete ad aiutare il prossimo.
    Ho appena venduto la mia casa e ho scoperto di avere un ipoteca di 3600 Euro con la ESATRI esazione tributi milano.
    Penso siano vecchie multe non pagate ma non sono sicuro sto ancora verificando.
    Vorrei sapere se c'è un modo di cancellare l'ipoteca solo pagando il creditore originale o se è illegale quello che hanno fatto.
    Premetto che vivo e risiedo all'estero dal 2000.
    L'ipoteca è stata attivata nel 2006.
    Nessuno mi ha mai notificato anche se sono iscritto all'AIRE per ITALIANI residenti all'estero dal 2000.
    Ho sentito dire che sotto gli ottomila Euro non possono ipotecare è vero?
    Questo riguardava Equitalia vale anche per le altre agenzie come la ESATRI?

    Distinti Saluti,
    spero di ricevere un vostro aiuto. al più presto.

    Giuseppe Jayanta krishna dasa

    • cocco bill 10 febbraio 2011 at 03:42

      Ciao Giuseppe. Il suo quesito andrebbe riproposto nella sezione "fisco e tasse" del nostro forum.

      La registrazione al forum è da noi gradita, ma non è ovviamente necessaria per poter ottenere risposta.

      Potrà inserire il suo quesito e leggere la risposta dei consulenti anche come semplice ospite visitatore, non registrato.

    1 8 9 10