Ipoteca legale, ipoteca volontaria o convenzionale, ipoteca giudiziale

Si distinguono ì seguenti tipi di ipoteca:

  1. Ipoteca legale;
  2. Ipoteca volontaria o convenzionale;
  3. Ipoteca giudiziale.

L'ipoteca legale è prevista per legge a favore del venditore di un bene a garanzia del prezzo che sia stata pattuito, ma non corrisposta alJ'atto della stipula del contratto di compravendita.

L'ipoteca volontaria (o convenzionale) è lo strumento a garanzia di un credito, non necessariamente derivante dall'acquisto del bene, attraverso il quale, in base ad un accordo tra le parti (creditore e debitore) il debitore accetta che il creditore iscriva ipoteca a garanzia del rapporto creditizio.

Ogni sentenza, che porta condanna al pagamento dì una somma o all'adempimento di altra obbligazione ovvero al risarcimento dei danni da liquidarsi successivamente è titolo per iscrivere ipoteca (giudiziale) sui beni del debitore.

Anche il decreto ingiuntivo dichiarato esecutivo, l'ordinanza di pagamento emessa in corso di causa, il verbale di mediazione omologato con decreto del Presidente del Tribunale, il lodo arbitrale reso esecutivo, il decreto di efficacia esecutiva del verbale di conciliazione nonché le sentenze straniere dichiarate esecutive dall'autorità giudiziaria italiana, costituiscono titolo per l'iscrizione di ipoteca giudiziale.

Naturalmente, è possibile l'iscrizione di ipoteca giudiziale per crediti di lavoro così come la sentenza che pronuncia lo scioglimento, la cessazione degli effetti civili del matrimonio, la separazione o il decreto di omologazione della separazione consensuale, con la previsione dell'obbligo di corrispondere un assegno periodico in favore dell'altro coniuge o dei figli, sono titoli idonei all'iscrizione di ipoteca
giudiziale.

L'atto di protesto o l'atto di precetto non sono, invece, titoli idonei per l'iscrizione dì ipoteca giudiziale.

Anche l'ipoteca giudiziale deve essere richiesta entro un anno dalla data dell'atto che vi dà luogo. Se ii provvedimento risulta scaduto, possono essere riaperti i termini, con il rilascio dì una copia del provvedimento da parte della cancelleria, qualora il creditore abbia ancora interesse ad iscrivere l'ipoteca non essendo stato soddisfatto il suo credito.

La riduzione dell'ipoteca può avvenire quando il valore de! bene ipotecato è notevolmente maggiore rispetto alì ammontare del credito garantito. Come titolo per la riduzione di ipoteca è necessario produrre un atto di assenso del creditore alla riduzione di ipoteca nella forma della scrittura privata autenticata dal notaio o un atto pubblico.

Offri il tuo contributo alla visibilità di indebitati.it

Ti chiediamo di contribuire ad accrescere la visibilità di indebitati.it cliccando su una delle icone posizionate qui sotto: per condividere, con un account Facebook, Google+ o Twitter, il contenuto di questa pagina oppure per iscriverti alla newsletter o al feed della comunità. Qualora lo preferissi, puoi seguirci sui social cliccando qui. Un grazie, per la tua attenzione, dallo staff.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti


Cerca