La comunicazione di invito alla verifica della compliance fiscale - mettersi in regola con il ravvedimento operoso

Dopo aver verificato i dati contenuti nella lettera, se si riconosce di aver commesso gli errori segnalati dall'Agenzia delle Entrate, è possibile correggerli mediante ravvedimento operoso. In pratica, ci si può mettere in regola ed evitare successivi avvisi di accertamento presentando una dichiarazione integrativa e versando le maggiori imposte dovute, gli interessi e le sanzioni (previste per l'infedele dichiarazione) in misura ridotta.

Nella dichiarazione integrativa, da presentare esclusivamente per via telematica (direttamente o tramite intermediario abilitato), devono essere indicati: i redditi non dichiarati, come segnalato nella lettera ricevuta e tutti gli altri dati relativi a redditi, oneri e crediti che già erano stati esposti nella dichiarazione originaria e che non richiedono alcuna modifica. In sostanza, la dichiarazione integrativa deve contenere tutti i dati dichiarati e non soltanto quelli che sono stati aggiunti o modificati.

La sanzione da versare con il ravvedimento è ridotta a 1/6 della misura minima. Pertanto, nei casi di dichiarazione infedele, sarà pari al 15% della maggiore imposta che risulta dalla dichiarazione integrativa (la sanzione ordinaria, infatti, va da un minimo del 90% a un
massimo del 180% delle maggiori imposte dovute).

Gli interessi da versare vanno calcolati, invece, al tasso legale annuo vigente, rapportato ai giorni di ritardo. Per il biennnio 2012-2013 il tasso di interesse legale è stato del 2,5%. E' sceso all'1% nel 2014 ed allo 0,5% nel 2015. Attualmente (2016) è dello 0,2%.

20 novembre 2016 · Giorgio Valli

Assistenza gratuita, briciole di pane e commenti

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su la comunicazione di invito alla verifica della compliance fiscale - mettersi in regola con il ravvedimento operoso. Clicca qui.

Stai leggendo La comunicazione di invito alla verifica della compliance fiscale - mettersi in regola con il ravvedimento operoso Autore Giorgio Valli Articolo pubblicato il giorno 20 novembre 2016 Ultima modifica effettuata il giorno 4 marzo 2017 Classificato nella categoria avviso di accertamento fiscale - avviso di accertamento bonario (comunicazione di irregolarità) e comunicazioni per la tax compliance Inserito nella sezione fisco, tributi e contributi del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

Contenuti suggeriti da Google

Altre info