La verifica del superamento della soglia secondo le disposizioni in materia di usura

La verifica dell'usura, secondo la legge n° 108/96, va infatti condotta determinando il tasso effettivo globale annuo concretamente pattuito, non i tassi semplici indicati in contratto. Il tasso di mora, in questo senso, costituisce solo uno di tali tassi semplici, riferito alla rata e/o al capitale scaduto e non pagato; mentre quello che, al momento pattizio, occorre riferire alla soglia è il tasso effettivo annuo del credito erogato, sia nello scenario di un pieno rispetto del piano di ammortamento convenuto, sia in ogni possibile scenario nel quale, a seguito dell'inadempimento ad una o più scadenze, con l'applicazione del maggiore interesse di mora ed a fronte del mutamento che interviene nel piano di rimborso, si modifica conseguentemente il tasso effettivo annuo del credito erogato. II tasso di mora, dunque, non è un tasso effettivo in sè per sè rilevante per la soglia d'usura, ma è un tasso semplice che integra il tasso corrispettivo, come riflesso del mutamento determinatosi nel piano di ammortamento, e concorre ad individuare il costo effettivo del credito ai fini antiusura”. Il Tribunale, condivisibilmente, sostiene che l'interesse moratorio è uno di quei costi che devono concorrere insieme ad altri a determinare il costo unico e complessivo dell'operazione di prestito, costo che deve essere vagliata ai fini della disciplina antiusura.

In conclusione, se il cumulo degli interessi e polizza assicurativa in un mutuo o leasing, oppure degli interessi e commissioni di varia natura, insomma se il cumulo di tutti gli oneri connessi al credito comporta uno sforamento del tasso usurario, il cliente sarà tenuto, in applicazione alla summenzionata normativa, alla sola restituzione della somma ricevuta in prestito (capitale).

24 marzo 2015 · Rosaria Proietti

Offri il tuo contributo alla visibilità di indebitati.it

Ti chiediamo di contribuire ad accrescere la visibilità di indebitati.it cliccando su una delle icone posizionate qui sotto: per condividere, con un account Facebook, Google+ o Twitter, il contenuto di questa pagina oppure per iscriverti alla newsletter o al feed della comunità. Qualora lo preferissi, puoi seguirci sui social cliccando qui. Un grazie, per la tua attenzione, dallo staff.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti


Cerca