Il recupero degli importi indebitamente percepiti dal pensionato [Commento 1]

  • felice1941 8 ottobre 2014 at 15:50

    In relazione al recupero da parte dell'Inps delle somme percepite dal pensionato e non dovute e successiva decadenza del debito, vorrei cortesemente sapere la norma di legge che disciplina questo caso di decadenza.

    La cosa mi interessa personalmente perché qualche anno fa l'Inps mi aveva notificato l'indebita percezione degli assegni familiari, per alcuni anni, per aver superato il limite di reddito e mi comunicava che mi avrebbero fatto un addebito rateizzato.

    Tale addebito è avvenuto solo il primo mese successivo alla notifica ricevuta e poi è cessato senza darmi alcuna spiegazione di questo mancato addebito, nonostante successivamente io abbia chiesto spiegazioni in merito.

    Chiarisco che quella notifica risale al maggio 2012 e l'unica rata del credito da recuperare è stata quella addebitatami nella pensione di giugno 2012. Da allora in poi silenzio assoluto.

    • Simone di Saintjust 8 ottobre 2014 at 17:41

      L'articolo 2033 del codice civile stabilisce che chi esegue un pagamento non dovuto ha diritto di ottenere indietro quanto corrisposto indebitamente.

      Per i pagamenti indebiti di pensione effettuati a partire dal 1° gennaio 2001 trova applicazione la disciplina di regime di cui all'articolo 13, legge 412/1991.

1 2 3 7

Torna all'articolo