Il recupero delle somme percepite dal pensionato e non dovute

Nei casi in cui l'indebito consegua alla omessa o incompleta segnalazione, da parte dell'interessato, di fatti incidenti sul diritto o sulla misura della pensione, che non siano già a conoscenza dell'Istituto, L'INPS procede al recupero delle somme indebitamente percepite, senza alcuna limitazione temporale, in quanto la omissione viene in sostanza equiparata dal legislatore al dolo, il che ne consente in ogni caso la recuperabilità.

Ed infatti, i termini di prescrizione decennali del credito decorrono, qualora l'indebito sia da ricollegare a situazioni che devono essere comunicate dal pensionato, dalla data della comunicazione stessa.

Vengono ricompresi nel comportamento doloso - oltre ai casi di attività illecita dell'interessato, come tali rilevanti anche in sede penale con conseguente obbligo di denuncia all'Autorità giudiziaria - anche l'indicazione di dati incompleti o l'omissione di denuncia di circostanze incidenti sul diritto o sulla misura della prestazione, purché l'omissione non riguardi atti o fatti già noti all'Istituto.

Il dolo va escluso nei casi in cui l'indebita erogazione sia dovuta ad errore dell'Istituto.

Gli indebiti pensionistici vengono recuperati attraverso una delle seguenti modalità:

  1. compensazione con crediti, relativi a quote di prestazioni pensionistiche o assistenziali, vantati nei confronti dell'Istituto;
  2. recupero mediante trattenute sulle prestazioni pensionistiche;
  3. pagamento, anche rateale, mediante rimesse in denaro.

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su il recupero delle somme percepite dal pensionato e non dovute.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

  • bender 29 maggio 2015 at 10:47

    ne deduco che l'assegno ordinario di invalidità essendo diverso dall'assegno di invalidità civile (articolo 13, legge 118/1971, che è invece una prestazione assistenziale, slegata dai contributi versati) è soggetto a sanatoria. dico bene?

    • Ornella De Bellis 29 maggio 2015 at 10:57

      Si tratta di una interpretazione possibile, ma sulla quale, onestamente, non siamo in grado di fornire una conferma affidabile.

    1 5 6 7