Indennizzo diretto » vademecum per l'automobilista

L'indennizzo diretto è una speciale procedura di liquidazione dei danni che derivano da un sinistro stradale introdotta dal Codice delle Assicurazioni private (decreto legislativo 7 settembre 2005, numero 209) che può essere attivata in presenza di determinate condizioni. L'indennizzo diretto consente al danneggiato di richiedere il risarcimento direttamente presso la propria Compagnia assicuratrice secondo un meccanismo che dovrebbe garantire un risarcimento in tempi ristretti. Si tratta sempre e comunque di una procedura facoltativa per il danneggiato.

Quando è applicabile l'indennizzo diretto

L'articolo 149 del codice delle assicurazioni elenca in maniera precisa le condizioni necessarie all'applicabilità dell'indennizzo diretto:

  1. il sinistro deve risolversi in un urto tra due veicoli;
  2. entrambi i veicoli devono essere immatricolati in Italia, nella Repubblica di San Marino o nello Stato della Città del Vaticano;
  3. entrambi i veicoli devono essere identificati e regolarmente assicurati;
  4. entrambe le Compagnie assicurative devono aver aderito alla convenzione CARD.

A contrario, sono esclusi dalla procedura dell'indennizzo diretto:

  1. sinistri senza urto ( sinistro da turbativa);
  2. sinistri in cui sono coinvolti più di due veicoli;
  3. sinistri avvenuti con un veicolo straniero;
  4. sinistri con un ciclomotore che non sia munito della “nuova targa” (ex DPR 6 marzo 2006 numero 153);

La procedura dell'indennizzo diretto trova dei limiti di applicabilità anche con riferimento alle tipologie di danni risarcibili.

Ai sensi dell'articolo 139 del codice delle assicurazioni, i danni risarcibili con l'indennizzo diretto sono:

  • quelli subiti dal veicolo assicurato;
  • quelli a cose trasportate appartenenti al proprietario o al conducente;
  • le lesioni di lieve entità subite dal conducente, intendendosi come tali quelle che si risolvono in un danno biologico di invalidità permanente inferiore o uguale al 9 % ( micropermanenti), giusta tabella speciale sorta a seguito della legge numero 57/01;

In tutti i casi in cui non sia applicabile l'indennizzo diretto, il risarcimento deve essere richiesto nei confronti della Compagnia che compre la rc auto del responsabile, utilizzando l'iter risarcitorio ordinario previsto dall'articolo 148 del Codice delle Assicurazioni.

Offri il tuo contributo alla visibilità di indebitati.it

Ti chiediamo la cortesia di voler contribuire ad accrescere la visibilità di indebitati.it cliccando su una delle icone posizionate qui sotto: per condividere, con un account Facebook, Google+ o Twitter, il contenuto di questa pagina oppure per iscriverti alla newsletter o al feed della comunità. Qualora lo preferissi, puoi seguirci sui social cliccando qui. Un grazie, per la tua attenzione, dallo staff.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Assistenza gratuita, briciole di pane e commenti

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su indennizzo diretto » vademecum per l'automobilista. Clicca qui.

Stai leggendo Indennizzo diretto » vademecum per l'automobilista Autore Giovanni Napoletano Articolo pubblicato il giorno 23 dicembre 2013 Ultima modifica effettuata il giorno 19 giugno 2016 Classificato nella categoria tutela consumatori - polizze assicurative RC auto Inserito nella sezione tutela consumatori del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

cerca