Il problema dell'Isee nelle Pensioni per disabili e indennità d'accompagnamento

Il calcolo dei redditi che determinano l'Isee, l'indicatore della situazione economica equivalente, tiene conto di indennità e aiuti di natura assistenziale che, in teoria, dovrebbero invece restarne fuori: parliamo, appunto, delle pensioni per i disabili e delle indennità di accompagnamento.

Insomma, il paradosso è che, per stabilire la “ricchezza” di una famiglia vengono conteggiati i sussidi prestati dall'amministrazione proprio a causa della povertà e delle difficoltà della famiglia.

La discrasia è stata rilevata anche dal Tar del Lazio che, con tre recenti sentenze, si è espresso sulla questione, sostenendo la necessità di escludere i trattamenti assistenziali, previdenziali e indennitari dall'Isee. L'ultima parola, però, non spetta ai magistrati, ma al parlamento, che, a tal fine, è stato sensibilizzato con la presentazione di una interrogazione parlamentare in Senato, nella quale si sottolinea la necessità di un chiarimento urgente.

Nello stesso tempo si stanno muovendo anche i sindacati: Cgil, Cisl e Uil hanno inviato una lettera al ministro del Lavoro chiedendo appunto l'eliminazione dall'Isee delle indennità e degli aiuti.

25 marzo 2015 · Patrizio Oliva

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su il problema dell'isee nelle pensioni per disabili e indennità d'accompagnamento.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.