La mora del debitore

Una particolare forma di inadempimento è costituita dal ritardo ad adempiere (mora del debitore).

Ciò presuppone che il ritardo sia imputabile al debitore. Se la prestazione è temporaneamente impossibile per caso fortuito o forza maggiore, il ritardo è giustificato e il debitore sarà tenuto ad adempiere non appena cesserà l'impossibilità, senza incorrere in alcuna responsabilità.

Se la prestazione è ancora possibile e il ritardo è ingiustificato si ha la mora debendi alla quale la legge annette numerose conseguenze.

Queste si verificano automaticamente per il solo fatto del ritardo, soltanto nei seguenti casi:

  • Quando l'obbligazione deriva da fatto illecito;
  • Quando il debitore ha già dichiarato per iscritto di non voler adempiere;
  • Quando il termine è scaduto e la prestazione doveva eseguirsi al domicilio del creditore,

Ma quali sono gli effetti della costituzione in mora? Vediamoli:

  • In caso di impossibilità sopravvenuta della prestazione per causa non imputabile al debitore quest'ultimo dovrà comunque risarcire i danni al creditore, a meno che non provi che l'oggetto della prestazione sarebbe comunque perito presso il creditore (articolo 1221 del codice civile);
  • il debitore sarà obbligato a risarcire i danni che il creditore ha subito in seguito al ritardo nell'adempimento (articolo 1223 del codice civile).

Gli effetti della costituzione in mora, quindi, si sostanziano principalmente nel risarcimento dei danni che questo comportamento colposo del debitore avrà provocato.

Verificatasi la mora il debitore si trova esposto a tutte le conseguenze sfavorevoli previste dalla legge.

Tuttavia queste conseguenze possono essere evitate attraverso la purgazione della mora.

Questa può aversi in diverse circostanze, come quando il creditore concede una dilazione del pagamento al debitore, oppure quando il creditore rinunzia al credito o semplicemente alla mora.

Con la purgazione della mora ne terminano gli effetti sfavorevoli con la cessazione del decorso degli effetti moratori, e del rischio dell'impossibilità sopravvenuta in capo al debitore.

30 gennaio 2014 · Gennaro Andele

Offri il tuo contributo alla visibilità di indebitati.it

Ti chiediamo la cortesia di voler contribuire ad accrescere la visibilità di indebitati.it cliccando su una delle icone posizionate qui sotto: per condividere, con un account Facebook, Google+ o Twitter, il contenuto di questa pagina oppure per iscriverti alla newsletter o al feed della comunità. Qualora lo preferissi, puoi seguirci sui social cliccando qui. Un grazie, per la tua attenzione, dallo staff.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Assistenza gratuita, briciole di pane e commenti

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su la mora del debitore. Clicca qui.

Stai leggendo La mora del debitore Autore Gennaro Andele Articolo pubblicato il giorno 30 gennaio 2014 Ultima modifica effettuata il giorno 19 giugno 2016 Classificato nella categoria debitori insolventi Inserito nella sezione tutela dei beni del debitore del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

cerca