In toscana prestiti per i precari

Attenzione » il contenuto dell'articolo è stato oggetto di revisioni normative e/o aggiornamenti giurisprudenziali successivi alla pubblicazione e le informazioni in esso contenute potrebbero risultare non corrette o non attuali. Potrai trovare i post aggiornati sull'argomento nella sezione di approfondimento in fondo alla pagina, oppure qui.

La Regione Toscana dedica ai precari un fondo di garanzia per l'accesso al credito. Grazie all'iniziativa, tutti coloro che non hanno un contratto a tempo indeterminato potranno chiedere più agevolmente prestiti di denaro, usufruendo di tassi di interesse più favorevoli rispetto a quelli di mercato.

Lo stanziamento per il progetto ammonta a 3 milioni di euro per il triennio 2007-2009 in collaborazione con il sistema bancario toscano. Al fondo potranno accedere tutti i lavoratori privi di un contratto a tempo indeterminato, i lavoratori con rapporto di lavoro autonomo, i lavoratori a progetto, quelli con collaborazioni coordinate e continuative, i dipendenti a tempo determinato e tutti coloro che sono disoccupati da meno di sei mesi dopo aver avuto contratti di questo tipo.

La domanda per il prestito potrà essere presentata a partire da gennaio, dopo l'emanazione di uno specifico bando da parte della Regione. L'importo massimo del finanziamento è di 15.000 euro, rimborsabili dai 18 ai 60 mesi a un tasso che può variare dal 6,5 per cento all'8 per cento, secondo la banca prescelta. La garanzia sarà pari al 70 per cento del finanziamento, fino a un massimo di 15.000 euro per i lavoratori a contratto.

Per i disoccupati con contratto atipico scaduto da meno di 6 mesi, la garanzia offerta è pari all'80 per cento della somma erogata.

26 novembre 2007

26 novembre 2007 · Antonio Scognamiglio

Offri il tuo contributo alla visibilità di indebitati.it

Ti chiediamo di contribuire ad accrescere la visibilità di indebitati.it cliccando su una delle icone posizionate qui sotto: per condividere, con un account Facebook, Google+ o Twitter, il contenuto di questa pagina oppure per iscriverti alla newsletter o al feed della comunità. Qualora lo preferissi, puoi seguirci sui social cliccando qui. Un grazie, per la tua attenzione, dallo staff.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

1 2 3

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti


cerca