Sospensione della prima rata Imu » Il decreto

Attenzione » il contenuto dell'articolo è stato oggetto di revisioni normative e/o aggiornamenti giurisprudenziali successivi alla pubblicazione e le informazioni in esso contenute potrebbero risultare non corrette o non attuali. Potrai trovare i post aggiornati sull'argomento nella sezione di approfondimento in fondo alla pagina, oppure qui.

Dal 22 Maggio 2013, è entrato in vigore il DECRETO-LEGGE 21 maggio 2013, numero 54, che riguarda la sospensione della rata di giugno per l'IMU sulla prima casa.

Con questo Decreto, pubblicato in gazzetta ufficiale numero 117 dello stesso giorno, il Governo ha disposto degli Interventi urgenti in tema di sospensione dell'imposta municipale propria, di rifinanziamento di ammortizzatori sociali in deroga, di proroga in materia di lavoro a tempo determinato presso le pubbliche amministrazioni e di eliminazione degli stipendi dei parlamentari membri del Governo.

Le misure, quindi, riguardano gli ammortizzatori sociali in deroga.

Il comma 1 dell'articolo 1 del Decreto contiene le disposizioni in materia di IMU: Nelle more di una complessiva riforma della disciplina dell'imposizione fiscale sul patrimonio immobiliare, ivi compresa la disciplina del tributo comunale sui rifiuti e sui servizi, volta, in particolare, a riconsiderare l'articolazione della potestà impositiva a livello statale e locale, e la deducibilità ai fini della determinazione del reddito di impresa dell'imposta municipale propria relativa agli immobili utilizzati per attività produttive, per l'anno 2013 il versamento della prima rata dell'imposta municipale propria di cui all'articolo 13 del decreto-legge 6 dicembre 2011, numero 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011, numero 214, è sospeso per le seguenti categorie di immobili:

  1. abitazioni principali e relative pertinenze, esclusi i fabbricati classificati nelle categorie catastali A/1, A/8 e A/9 (immobili “di pregio”, ville signorili, castelli, ecc.);
  2. unità immobiliari appartenenti alle cooperative edilizie a proprietà indivisa, utilizzate come abitazione principale e relative pertinenze dei soci assegnatari, nonché alloggi regolarmente assegnati dagli Istituti autonomi per le case popolari (IACP) o dagli enti di edilizia residenziale pubblica, comunque denominati, aventi le stesse finalità degli IACP, istituiti in attuazione dell'articolo 93 DPR 24 luglio 1977, numero 616;
  3. terreni agricoli e fabbricati rurali di cui all'articolo 13, commi 4, 5 e 8, decreto legge 6 dicembre 2011, numero 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011, numero 214, e successive modificazioni.

 

Peranto, la sospensione IMU riguarda quindi la prima rata, ma questo non vale per tutti.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.