Imu - guida semplice per abitazione principale

Oggetto dell'IMU

L'IMU sostituisce l'ICI e, per la componente immobiliare, l'IRPEF e le relative addizionali regionali e comunali, dovute in riferimento ai redditi fondiari concernenti gli immobili non locati o non affittati.

L'IMU colpisce il possesso di qualunque immobile, ivi comprese l'abitazione principale e le pertinenze della stessa.

L'imposta, quindi, è dovuta per il possesso dei:

  1. fabbricati in cui rientrano anche i fabbricati rurali ad uso sia abitativo sia strumentale;
  2. aree fabbricabili;
  3. terreni in cui rientrano sia quelli agricoli sia quelli incolti.

IMU - I soggetti passivi

I soggetti passivi, cioè obbligati al pagamento dell'imposta municipale unica, sono:

  1. il proprietario di fabbricati, aree fabbricabili e terreni a qualsiasi uso destinati;
  2. il titolare del diritto reale di usufrutto, uso, abitazione, enfiteusi, superficie sugli stessi;
  3. l'ex coniuge affidatario della casa coniugale;
  4. il locatario per gli immobili, anche da costruire o in corso di costruzione, concessi in locazione finanziaria.

IMU - Calcolo dell'imposta

Per calcolare l'IMU si determina prima la base imponibile che è costituita dal valore dell'immobile determinato nei modi previsti dalla legge e, poi, su tale valore si applica l'aliquota prevista per la particolare fattispecie.

IMU - La base imponibile dei fabbricati iscritti in catasto

Per tali fabbricati la base imponibile si determina nel modo seguente:

la rendita catastale viene prima rivalutata del 5% e poi moltiplicata per:

IMU - riduzione del 50% della base imponibile
IMU - Fabbricati gruppo D

Per i fabbricati classificabili nel gruppo catastale D, non iscritti in catasto, interamente posseduti da imprese e distintamente contabilizzati la base imponibile è determinata applicando al valore contabile i coefficienti aggiornati ogni anno con decreto del Ministero dell'economia e delle finanze.

Per l'anno 2012, il decreto è stato emanato il 5 aprile 2012.

IMU - Abitazione principale

L'abitazione principale consiste in una sola unità immobiliare iscritta o iscrivibile in catasto, nella quale il possessore e il suo nucleo familiare dimorano abitualmente e risiedono anagraficamente.

IMU - Pertinenze dell'abitazione principale

Per pertinenze dell'abitazione principale si intendono esclusivamente quelle accatastate nelle categorie:

• C/2: magazzini e locali di deposito; cantine e soffitte se non unite all'unità immobiliare abitativa;
• C/6: stalle, scuderie, rimesse, autorimesse;
• C/7: tettoie.

Il contribuente può considerare come pertinenza dell'abitazione principale soltanto un'unità immobiliare per ciascuna categoria catastale, fino ad un massimo di tre pertinenze appartenenti ciascuna ad una categoria catastale diversa.

Se la soffitta e la cantina, entrambe classificabili in C/2, sono accatastate unitamente all'abitazione principale, il contribuente può usufruire delle agevolazioni per l'abitazione principale solo per un'altra pertinenza classificata in C/6 o C/7.

Aliquota per abitazione principale e relative pertinenze

• L'aliquota per l'abitazione principale e per le relative pertinenze è pari a 0,4%;
• I comuni possono aumentarla o diminuirla sino a 0,2 punti percentuali;
• Detta aliquota potrà, pertanto, oscillare da un minimo di 0,2% ad un massimo di 0,6%.

IMU - Estensione aliquota ridotta

Le aliquote per l'abitazione principale e per le relative pertinenze si applicano anche:

  1. alla casa coniugale assegnata all'ex coniuge;
  2. e, se il comune lo ha previsto nel proprio regolamento, all'abitazione non locata posseduta da:
    1. anziani o disabili che risiedono in istituti di ricovero o sanitario;
    2. cittadini italiani residenti all'estero.

IMU - Detrazione abitazione principale e relative pertinenze

Per l'abitazione principale e per le relative pertinenze è riconosciuta, oltre all'aliquota ridotta, anche una detrazione pari a € 200 per il periodo durante il quale si protrae la destinazione.

Se l'unità immobiliare è adibita ad abitazione principale da più soggetti passivi, la detrazione spetta a ciascuno di essi in egual misura e proporzionalmente al periodo per il quale la destinazione stessa si verifica.

Ad esempio, se l'abitazione è posseduta da due coniugi che vi risiedono e dimorano per l'intero anno, a ciascuno di essi spetta la detrazione di € 100 (€ 200/2). Se, invece, l'abitazione è posseduta da 4 soggetti passivi che vi risiedono e dimorano per l'intero anno, a ciascuno di essi spetta la detrazione di € 50 (€ 200/4).

IMU - Altri casi di detrazione

La sola detrazione prevista per l'abitazione principale e per le relative pertinenze si applica altresì a:

  1. le unità immobiliari appartenenti alle cooperative edilizie a proprietà indivisa adibite ad abitazione principale dei soci assegnatari;
  2. gli alloggi regolarmente assegnati dagli Istituti autonomi per le case popolari (IACP) o altrimenti denominati.
Imu - Maggiorazione della detrazione

La detrazione di € 200 è maggiorata di € 50 per ciascun figlio di età non superiore a 26 anni, a condizione che lo stesso dimori abitualmente e risieda anagraficamente nell'unità immobiliare adibita ad abitazione principale.

La maggiorazione non può superare € 400 e, pertanto, l'importo complessivo della detrazione (€ 200) e della maggiorazione non può risultare superiore a € 600.

IMU - Calcolo della maggiorazione

Il diritto alla maggiorazione spetta:
• fino al compimento del 26° anno di età, per cui si decade dal beneficio dal giorno successivo a quello in cui si è verificato l'evento.
• per potere computare l'intero mese nel calcolo della maggiorazione, occorre che:

  1. il compimento del 26° anno di età si verifichi dal 15° giorno del mese in poi;
  2. la nascita si sia verificata da almeno 15 giorni.
IMU - Unicità della detrazione per nucleo familiare

Se i componenti del nucleo familiare stabiliscono la dimora abituale e la residenza anagrafica in immobili diversi situati nel territorio comunale, l'aliquota e la detrazione per l'abitazione principale e per le relative pertinenze devono essere uniche per nucleo familiare indipendentemente dalla dimora abituale e dalla residenza anagrafica dei rispettivi componenti.

IMU - Esempio di calcolo per abitazione principale

L'esempio si riferisce ad un proprietario unico con due figli entrambi di età inferiore ai 26 anni.

  1. Rendita catastale dell'abitazione = € 750Base imponibile » Rendita catastale x 168 = € 126.000 [Per semplicità di calcolo la rendita catastale si moltiplica per 168 (1,05 x 160) che comprende la rivalutazione della rendita del 5%

    Aliquota di base relativa all'abitazione principale e alle sue pertinenze = 0,4 %

    IMU annua lorda per abitazione » € 126.000 x 0,4 % = € 504
  2. Rendita catastale della pertinenza (C/2 oppure C/6 oppure C/7) = € 60Base imponibile » Rendita catastale x 168= € 10.080 [Per semplicità di calcolo la rendita catastale si moltiplica per 168 (1,05 x 160) che comprende la rivalutazione della rendita del 5%
    IMU annua lorda per pertinenza » € 10.080 x 0,4% = € 40,32
  3. Detrazione per abitazione principale = € 200
    Maggiorazione per figli = € 50 x 2 (figli) = € 100

    IMU annua » € 504 + € 40,32 - € 200 - € 100 = € 244,32

IMU - versamento 2012

Il versamento dell'IMU è effettuato in tre rate:

• la prima e la seconda rata in misura ciascuna pari ad un terzo dell'imposta calcolata applicando l'aliquota di base e la detrazione da corrispondere rispettivamente entro il 18 giugno e il 17 settembre;
• la terza rata è versata, entro il 17 dicembre, a saldo dell'imposta complessivamente dovuta per l'intero anno con conguaglio sulle precedenti rate;

In alternativa il contribuente può effettuare il versamento dell'IMU in due rate:

• la prima rata entro il 18 giugno, in misura pari al 50 % dell'importo ottenuto applicando le aliquote di base e la detrazione;
• la seconda rata, entro il 17 dicembre, a saldo dell'imposta complessivamente dovuta per l'intero anno, con conguaglio sulla prima rata;

IMU - Ipotesi pagamento in tre rate

IMU - ipotesi pagamento 3 rate - prima rata

IMU - compilazione f24 ipotesi pagamento 3 rate - prima rata

IMU - ipotesi pagamento 3 rate - seconda rata

IMU - ipotesi pagamento 3 rate - terza rata

IMU - Ipotesi pagamento in due rate

IMU - ipotesi pagamento 2 rate - prima rata

IMU - compilazione f24 ipotesi pagamento 2 rate

IMU - ipotesi pagamento 2 rate - seconda rata

19 maggio 2012 · Giorgio Valli

Offri il tuo contributo alla visibilità di indebitati.it

Ti chiediamo di contribuire ad accrescere la visibilità di indebitati.it cliccando su una delle icone posizionate qui sotto: per condividere, con un account Facebook, Google+ o Twitter, il contenuto di questa pagina oppure per iscriverti alla newsletter o al feed della comunità. Qualora lo preferissi, puoi seguirci sui social cliccando qui. Un grazie, per la tua attenzione, dallo staff.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni

Assistenza gratuita e briciole di pane

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su imu - guida semplice per abitazione principale. Clicca qui.

Stai leggendo IMU - Guida semplice per abitazione principale Autore Giorgio Valli Articolo pubblicato il giorno 19 maggio 2012 Ultima modifica effettuata il giorno 4 marzo 2017 Classificato nella categoria iuc tarsu tia imu tasi service tax e altri tributi locali Inserito nella sezione fisco, tributi e contributi del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti


cerca