IMU e comodato gratuito

Ho concesso l'unità abitativa di cui sono proprietario a mio figlio, con un contratto di comodato gratuito registrato presso l'Agenzia delle Entrate. Mio figlio abita e risiede nella casa di cui risulta comodatario. Chi dei due è obbligato al pagamento dell'IMU e, soprattutto, l'obbligato al pagamento dell'IMU potrà fruire dell'aliquota ridotta e delle altre agevolazioni previste per l'abitazione principale?

I comodatario è titolare di un diritto personale e non reale di godimento e, come tale, non è tenuto a corrispondere l'Imposta Municipale propria. L'unico obbligato passivo al pagamento dell'imposta è colui che detiene la proprietà dell'immobile. Dunque, suo figlio (comodatario) non dovrà pagare l'IMU, che resterà completamente a carico del padre (comodante).

Lei non potrà fruire di aliquota ridotta e di altre detrazioni previste per l'abitazione principale. Infatti, il comma 14, lettera b), dell'articolo 13 della legge 214/2011, ha espressamente abrogato la potestà regolamentare dei comuni di considerare "abitazioni principale" quelle concessa in uso gratuito (comodato) a parenti in linea retta o collaterale.

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.