IMU e separazione legale

Sono legalmente separato e possiedo un immobile assegnato alle mia ex moglie, che vi risiede anagraficamente insieme ai due figli avuti durante il matrimonio. Vorrei sapere se la mia ex coniuge, soggetto passivo tenuto al pagamento dell'IMU, potrà fruire dell'aliquota ridotta al 4 per mille, della detrazione d'imposta e degli altri benefici di legge.

Gli ultimi emendamenti approvati in sede di conversione in legge del decreto ministeriale, prevedono che le agevolazioni fissate per l'abitazione principale e per le sue eventuali pertinenze si applichino anche quando il soggetto passivo tenuto al pagamento dell'IMU è l'assegnatario della casa coniugale a seguito di provvedimento di separazione legale, annullamento, scioglimento o cessazione degli effetti civili del matrimonio. A condizione, tuttavia, che il coniuge separato (e non assegnatario) non risulti titolare del diritto di proprietà o di altro diritto reale su qualsiasi unità abitativa situata nello stesso Comune dove è ubicata la casa coniugale.

La sua ex coniuge, pertanto, potrà fruire dell'aliquota ridotta della detrazione d'imposta e della ulteriore detrazione prevista
per ciascun figlio, di età non superiore a 26 anni, purché dimorante abitualmente e residente anagraficamente nell'unità immobiliare adibita ad abitazione principale (e a prescindere dalla circostanza di essere "a carico")

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.