Confermata l'impugnabilità del preavviso di fermo amministrativo

Il preavviso di fermo amministrativo, lo ricordiamo a beneficio dei lettori, è una comunicazione inviata al debitore con il quale l'amministrazione procedente, attraverso il concessionario della riscossione, ricorda l'esistenza del credito e minaccia l'iscrizione del fermo nel caso di persistente morosità.

Ebbene, il preavviso di fermo amministrativo è atto impugnabile con ricorso al giudice tributario ovvero ordinario (giudice di pace, giudice del lavoro) a seconda che venga emesso per debiti tributario o di altra natura. È questa, in poche parole, la decisione della Corte di cassazione, pronunciata con ordinanza numero 17844/2012.

Il fermo amministrativo è stato concepito come misura cautelare finalizzata a tutelare l'efficace riscossione dei crediti vantati dalla pubblica amministrazione ed è regolata dall'articolo 86 del DPR 600/1973. In pratica, il fermo amministrativo consiste nella trascrizione di una annotazione al PRA (Pubblico Registro Automobilistico) riferita ai beni ivi registrati (automobili, motocicli ecc.) ed intestati al debitore moroso, che comporta il divieto di circolazione, demolizione, radiazione ed esportazione del mezzo. L'efficace applicazione della misura di fermo amministrativo è garantita, in caso di trasgressione degli obblighi che ne derivano, da sanzioni amministrative di importo rilevante, non escludendo la sospensione della patente e la confisca del veicolo.

Con l'ordinanza indicata, i giudici di piazza Cavour hanno ribadito la propria posizione in merito al semplice preavviso e al formale avviso di fermo amministrativo: si tratta, senza ombra di dubbio, di atti legittimamente impugnabili, dal momento che con essi viene formulata una circostanziata pretesa e paventata un'azione esecutiva che sarà posta in essere senza altre comunicazioni inoltrate al debitore moroso.

Il ricorso avverso il preavviso di fermo amministrativo dovrà essere presentato al giudice ordinario nelle forme dell'opposizione all'esecuzione e agli atti esecutivi se trattasi di debiti non tributari (per esempio sanzioni per contravvenzioni al codice della strada o in materia di contributi pensionistici), ovvero davanti alle competenti Commissioni Tributarie mediante rituale ricorso.

Contributo di Diego Conte -  SLTC - Studio Legale Tributario

Per porre una domanda sulla notifica, il pagamento e la dilazione della cartella esattoriale; sul pignoramento esattoriale, il fermo amministrativo, il preavviso di fermo amministrativo e su qualsiasi argomento correlato all'articolo, clicca qui.

29 ottobre 2010 · Diego Conte

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su confermata l'impugnabilità del preavviso di fermo amministrativo.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

  • ARCHIMEDE 21 marzo 2011 at 01:16

    L'art. 514 cpc è redivivo per il diritto tributario dunque il fermo per l'unico mezzo non è legittimo. anche volendo l'art. 515 cpc non lo consentirebbe in caso di ditta individuale perchè violato il disposto dell'art.62 comma 1 vi risulta l'illeggittimità di un mezzo di ditta individuale?

    1 2