Imposta di registro non pagata dal de cuius » Per gli eredi non c'è solidarietà tributaria

Imposta di registro: per i debiti del de cuius gli eredi rispondono solo pro quota.

Gli eredi rispondono dei debiti del de cuius, ai fini dell'imposta di registro, solo pro quota. Negata, quindi, la corresponsabilità solidale.

Questo, in sintesi, l'orientamento espresso dalla Corte di Cassazione con sentenza 22426/14.

La Cassazione conferma che per gli eredi non c'è sempre solidarietà tributaria.

Innanzitutto, cominciamo dicendo che l'imposta di registro è una particolare tassa richiesta dallo Stato Italiano quando si registrano alcuni atti all'Agenzia delle entrate.

In particolare si presenta come una tassa quando l'erogazione riguarda un servizio, mentre si presenta come un imposta se l'erogazione è calcolata in una percentuale del valore economico dell'atto o del negozio.

Successivamente, per capire l'importanza della pronuncia facciamo un passo indietro, chiarendo un particolare aspetto: in base alla regola della solidarietà tributaria, a ciascun erede può essere richiesto l'integrale pagamento di tutto il debito, salvo poi per questi il diritto di rivalsa sugli altri.

Infatti, in caso di morte, gli eredi succedono al defunto non solo nella titolarità dei diritti di quest’ultimo, ma anche nei debiti relativi alle imposte non versate da questi.

Ebbene, secondo quanto disposto dagli Ermellini, per quanto riguarda l'imposta di registro non versata dal de cuius, la regola generale della corresponsabilità solidale non va applicata.

In tale fattispecie, infatti, il debito acquisito dalla tassa non versata deve essere ripartito pro quota, ossia in base alle rispettive quote dell'eredità, tra tutti i coeredi.

Ciò, perché la regola speciale della solidarietà passiva dei coeredi trova applicazione solo nel caso di mancato pagamento delle imposte dirette da parte del defunto o ancora in ipotesi di pagamento dell'imposta di successione.

Pertanto, nel caso di debiti contratti dal defunto in materia di imposta di registro e non definiti, ciascun coerede è tenuto a versare al Fisco la propria parte in base alle rispettive quote spettanti di eredità, e non in via solidale l'intera imposta dovuta.

23 ottobre 2014 · Paolo Rastelli

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su imposta di registro non pagata dal de cuius » per gli eredi non c'è solidarietà tributaria.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.