Spendi bene e vivi meglio

È importante sottolineare, in ogni caso, che i prodotti alimentari e di largo consumo incidono in misura maggiore sulla spesa delle famiglie meno abbienti. Il presente lavoro è finalizzato a fornire indicazioni proprio a questi nuclei familiari affinché non rinuncino a quote di acquisti alimentari nell'ambito di un'offerta varia e di qualità.

Gli aumenti di alcuni prodotti alimentari, al di là del dato fisiologico di adeguamento della domanda e dell'offerta, hanno avuto in questa congiuntura una matrice internazionale legata all'andamento delle materie prime e della produzione.

Tali aumenti spropositati si sono riversati sull'andamento dei prezzi al consumo che dovrebbero, ora che i costi delle materie prime sono in forte ribasso, rientrare rispecchiando in maniera trasparente tale andamento.

Registriamo tuttavia fenomeni di resistenza all'interno della filiera che contribuiscono, come nel caso della pasta, a mantenere a livelli sostenuti i prezzi di prodotti essenziali. Il nostro auspicio è che il livello dei prezzi segua la corretta dinamica di mercato - e in questo senso la Federazione Italiana Esercenti Specialisti dell'alimentazione (Fiesa) ha operato in questi mesi di difficoltà delle imprese e delle famiglie - e che i consumatori abbiano una offerta ricca a cui accedere, calmierando, con le loro scelte, il mercato.

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.